Chiudi questo messaggioPer offrirti la migliore esperienza utente possibile questo sito utilizza cookies per memorizzare le tue preferenze e per monitorare il funzionamento del sito.
Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookies Policy.

Punta di petto sous vide con salsa gravy: 24 ore di cottura per un risultato da sballo

Di: 14 commenti 14 Difficoltà: facile
punta di petto sous vide con salsa gravy

La punta di petto è un taglio di carne di seconda scelta, perchè cartilaginoso e stopposo una volta cotto; inoltre è ricca di fasce di grasso visibile e dunque lo scarto è molto. In Italia questo taglio di carne viene usato prevalentemente per fare il brodo. La punta di petto chiamata più genericamente petto è situato nella parte anteriore dell’animale, adiacente al taglio reale, alla spalla e alla zampa anteriore. Una volta rimosso il grasso visibile rimane una carne magra e dal contenuto calorico piuttosto esiguo.

Se in Italia, come dicevo, questo taglio di carne viene usato solo da brodo o tuttalpiù per il macinato, in america, dove la cultura della carne e le tecniche per cuocerla sono molto vive, la punta di petto, brisket in americano, viene cotta a bassa temperature per ore e ore, tanto da diventare tenerissima e da essere usata nei panini o così com’è.

Io ho voluto provare a cucinare questa carne per 24 ore sottovuoto a una temperatura di 68° centigadi per poi scottarla 3 minuti per lato su una padella di ghisa rovente.
Il risultato è qualcosa di sorprendentemente buono e tenero che rifarò assolutamente. C’è anche chi cuoce a temperatura più bassa per ben 72 ore!

La apple pie di Nonna papera

Di: 16 commenti 16 Difficoltà: media
apple pie americana

Non era mai successo che stessi lontana dal blog per un tempo così immensamente lungo in tutti questi anni che ormai sono 6 abbondanti!. Il tempo passa anche per il blog e per fortuna da 1 annetto a questa parte l’ho ringiovanito un po’ con qualche punturina di botox facendo il fatidico passaggio a Wordpress tanto immaginato e tanto temuto (che quando si tratta di cambiare le incognite sono sempre tante no?).

Beh, insomma, non era mai capitato che stessi due lunghi mesi lontano da questo mio angolo gastronomico e mi è dispiaciuto tanto per i mie lettori, ma è stato un periodo in cui proprio voglia di cucinare ne avevo poca; questi periodi capitano un po’ a tutti, ma generalmente a me passano presto, mentre questa volta no e a differenza delle altre poi ho vissuto questa lontananza anche bene, senza farmi venire troppa ansia, senza pensare che dovevo assolutamente pubblicare qualcosa.

Caramel popcorn cupcakes

Di: 12 commenti 12 Difficoltà: facile
Caramel popcorn cupcake

preriscaldate il forno a 180°. In una terrina mescolate con una frusta gli ingredienti secchi: la farina, il sale e il lievito. Nell’impastatrice con il gancio a foglia, montate il burro (a temperatura ambiente) con lo zucchero per circa 3 minuti a media velocità . Abbassate poi la velocità e unite l’uovo, dopo averlo leggermente sbattuto, un po’ alla volta. Unite quindi gli ingredienti secchi e mescolate il tanto che basta a farli amalgamare, unite la vaniglia, dopodiché unite il […]

Blueberry cupcakes con buttercream frosting

Di: 15 commenti 15 Difficoltà: facile
Cupcake ai mirtilli

Blueberry cupcake con buttercream frosting   Ingredienti: per circa 8 cupcake 180g di farina 00 7g di lievito chimico per dolci 1 uovo un pizzico di sale 100g di zucchero 40g di burro 125g di latte intero 125g di mirtilli buccia grattugiata di 1 limone per il buttercream frosting: 100g di zucchero 40g di acqua 60g di albume (circa 1 uovo e 1/2) 1 pizzico di sale 1/4 di cucchiaino di cremore tartaro 140g di burro semi di 1/2 bacca […]