Chiudi questo messaggioPer offrirti la migliore esperienza utente possibile questo sito utilizza cookies per memorizzare le tue preferenze e per monitorare il funzionamento del sito.
Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookies Policy.

Biscotti russi

Di: 4 commenti 4 Difficoltà: facile
biscotti russi di finta sfoglia

Questa ricetta dei biscotti russi l’ho scoperta grazie alla mia amica di ricette, Claudia Saracco, che a sua volta l’aveva trovata su un blog. Il primo blog ad averli pubblicati è Impastando a quattro mani.   Preparazione dei biscotti russi la ricetta del blog prevede di grattugiare il burro ben freddo, ma sia io che altri abbiamo provato a fare l’impasto nel mixer senza riscontrare problemi, quindi risparmiatevi quel passaggio e schiaffate tutto nel Bimby o nel mixer che avete […]

Torta farcita con doppia cottura

Di: 39 commenti 39 Difficoltà: facile
torta farcita con doppia cottura

Questa è una di quelle torte che a quanto leggo sta diventato un tormentone in rete, anche se a me, come sempre, che evidentemente sono un po’ distratta, era sfuggita, fino a quando mi sono imbattuta in quella postata da Chiara Setti, del bellissimo blog La cucina dello Stivale.

Mi ha subito incuriosita l’idea che questa torta prevedesse una doppia cottura. Eh sì, perchè la particolarità di questa torta è che si cuoce prima una base, dopodiché si farcisce con un ripieno a scelta, si copre con la restante parte di impasto crudo tenuto da parte e si cuoce di nuovo.

Schiacciata con l’uva toscana

Di: 2 commenti 2 Difficoltà: media
schiacciata con l’uva

E’ tempo di vendemmia. E’ tempo di cieli grigi, di tappeti di foglie colorate, di aria frizzantina, di caldarroste, di uva e moscerini. E in questa stagione ho voglia di starmene in casa. L’autunno mi coglie sempre impreparata, psicologicamente e fisicamente. Non sono pronta ai primi freddi, non so mai come vestirmi e sono una freddolosa cronica. E non sono neanche pronta alle giornate che si accorciano, all’escursione termica tra giorno e sera, alle piogge. Mi manca il sole. come fosse l’aria.
E allora me ne sto a casa, un po’ annoiata e cerco di allontanare la noia cucinando tra un lavoro e l’altro. E non c’è niente di meglio che un lievitato ad accompagnare i pomeriggi autunnali.
Dapprima l’impastamento, che è sempre affascinante. Vedere un impasto informe fatto della somma degli ingredienti che piano piano prende forma e diventa liscio, setoso e soffice è come un miracolo e poi l’impasto che cresce, un’altra magia. Infine la cottura. il dolce che si gonfia e si colorisce e il profumo del dolce cotto che comincia a insinuarsi piano piano uscendo timidamente dallo sportello del forno.

Pan brioche a lievitazione naturale con uvetta

Di: 17 commenti 17 Difficoltà: media
pan brioche a lievitazione naturale con uvetta

per realizzare questa brioche a lievitazione naturale avete bisogno di una pasta madre in forma, che cresce in 3-4 ore al massimo e che presenta un’alveolatura abbastanza grande e allungata e un colore avorio. Per consigli sulla gestione della pasta madre, leggete il mio post qui. Rinfrescate dunque la pasta madre 3-4 ore prima di utilizzarla. ammollate l’uvetta in acqua fredda per 1/2, poi scolatela e asciugatela bene. Nella ciotola dell’impastatrice, versate la pasta madre rompendola a pezzetti, aggiungete lo […]