Chiudi questo messaggioPer offrirti la migliore esperienza utente possibile questo sito utilizza cookies per memorizzare le tue preferenze e per monitorare il funzionamento del sito.
Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookies Policy.

Verza e patate

Di: 4 commenti 4 Difficoltà: facile
verza e patate

portate a bollore una capiente pentola di acqua. Tagliate a metà la verza, rimuovete il torsolo duro al centro, poi tagliatela a striscioline di circa 1,5 cm di larghezza. Lavate bene la verza e scolatela. Quando l’acqua arriva a bollore versate la verza e fatela cuocere per circa 10 minuti o finché sarà ammorbidita. A parte riempite una casseruola con acqua fredda. Lavate bene le patate e inseritele nell’acqua. Accendete il fuoco e cuocete le patate per circa 20 minuti […]

Biscotti al cocco (con frolla all’olio di cocco)

Di: 6 commenti 6 Difficoltà: facile
Biscotti al cocco con frolla all'olio di cocco

Sull’onda dell’entusiasmo in rete circa l’olio di cocco e le sue multiple proprietà e avendolo trovato in sconto, me ne sono presa uan confezione da 800g: olio di cocco extravergine e biologico, non deodorato, non idrogenato, non fermentato e non sbiancato e ottenuto da noci di cocco fresche, quindi adatto ad uso alimentare e più salutare naturalmente. Per la cronaca, Woody, il mio miciotto, ne va matto! Ora, devo ancora capire se sia salutare usarlo in cucina, visto che è molto ricco di acidi grassi saturi, che sono quelli che si legano per formare i trigliceridi, però sicuramente ha anche altri utilizzi. Io ad esempio lo uso la mattina massaggiandolo sul viso. Ha un effetto scrub e lascia la pelle liscia e morbida, oltre a rimuovere le eventualità impurità.

Volevo però utilizzarlo, almeno una volta in cucina e, visto che ha veramente sapore di cocco, ho pensato di farci dei frollini al cocco, mettendo anche un po’ di farina di cocco all’interno. Rispetto all’olio di oliva o di semi, l’olio di cocco, solidifica a temperature più alte quindi io l’ho usato sotto forma di un simil burro, il che lo rende perfetto per fare una frolla. Sono venuti dei biscottini friabili e gustosi! Olio di cocco promosso per questo utilizzo!

Pan brioche salato al pesto con lievito madre

Di: 0 Difficoltà: media
pan brioche salato al pesto

L’ultima volta avevo postato una ricetta di pan brioche a lievitazione naturale dicendo che era una sorta di palliativo in attesa di fare le colombe pasquali, sempre a lievitazione naturale. Ad oggi le colombe le ho fatte. Le ho sfornate ieri: 3 bei tacchini gonfi da far pensare alla festa del ringraziamento più che alla Pasqua!

Ultimamente il lievito madre mi sta dando molte soddisfazioni. C’è da dire che ho comprato la farina specifica per rinfrescare la pasta madre. Se sia suo il merito non lo so, ma è stata studiata da Iginio Massari quindi forse fa la differenza sul serio.

Questo pan brioche stavolta l’ho fatto salato e l’ho farcito con un buon pesto genovese e dei pinoli. Beh, se vi piace il pesto provate la ricetta perchè era veramente buona!

Colomba salata alla mortadella con lievito madre

Di: 4 commenti 4 Difficoltà: difficile
colomba salata con lievito madre

Rinfreschi del lievito perla colomba artigianale a lievitazione naturale   Alle 9.00/10.00 della mattina procedere con il primo rinfresco: 15g di pm (pasta madre) 15g di farina specifica per panettone/colombe 6-7g di acqua minerale   Attendere che la pm raddoppi (se la pasta madre è matura deve farlo massimo 3-4 ore) e procedere con il secondo rinfresco così: 30g di pm 30g di farina specifica per panettone/colombe 12-13g di acqua minerale   Attendere il raddoppio e procedere con il terzo rinfresco: 50g […]

Uovo in camicia (uovo pochè), la ricetta per una perfetta riuscita

Di: 12 commenti 12 Difficoltà: media
uovo in camicia o uovo pochè

Questa è una di quelle ricette che è quasi una non ricetta; eppure fare un uovo in camicia non è affatto cosa facile. Io ho dovuto prenderci mano. L’uovo in camicia o uovo poche sembra facile, ma non lo è. Non è semplice ottenere un sacchettino composto che somigli a una mozzarellina. E bisogna pure stare attenti a non cuocerlo troppo perchè il tuorlo dentro deve rimanere assolutamente liquido e fuoriuscire come un rivolo e formare una pozza quando si taglia l’albume.

Di seguito la ricetta base con i consigli per ottenere un uovo in camicia perfetto

Colomba di Morandin Rolando 2017

Di: 10 commenti 10 Difficoltà: difficile
colomba di morandin a lievitazione naturale

Ecco, sono stata quasi tentata di saltare a piè pari il discorso colombe quest’anno, per vicissitudini mie varie. Ma poi il richiamo della pasta madre è stato forte e non ho resistito. Come sempre è un lavoro impegnativo; fare i 3 rinfreschi mi pesa un casino, ma quando poi i risultati ci sono, ti ripagano di tutta la rottura della preparazione.
nel mio repertorio di ricette, avevo già la colomba di Rinaldini, buonissima anche quella.

Non poteva mancare però tra le mie ricette, quella della colomba di Morandin. La pasta madre in questo periodo mi sta dando tante soddisfazioni. E’ in forma e si esprime al meglio e le colombe sono venute benissimo!