Chiudi questo messaggioPer offrirti la migliore esperienza utente possibile questo sito utilizza cookies per memorizzare le tue preferenze e per monitorare il funzionamento del sito.
Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookies Policy.

Filetto di maiale sous vide: la cottura sottovuoto a bassa temperatura

Di: 28 commenti 28 Difficoltà: facile
filetto di maiale sous vide

La mia voglia di sperimentare non ha mai fine e quando si tratta di sperimentare nuove tecniche di cottura, specie se salutari e particolari non posso non provarle. E’ così che è entrato nella mia cucina un nuovo attrezzino.
Fino a un po’ di tempo fa pensavo che sarebbe stato impossibile provare a cucinare a bassa temperatura perchè avevo dato un’occhiata e il costo del roner (è questo il termine tecnico), una sorta di vasca che ha all’interno una resistenza che permette di mantenere costante la temperatura dell’acqua, era proibitivo; inoltre il roner era anche ingombrante e non avrei potuto prenderlo comunque. Ora invece esistono dei roner a immersione, grandi pressappoco come un minipimer, leggermente di più e a costi assolutamente accettabili. Mi sono un po’ informata e alla fine ne ho preso uno.
Con questo strumento si può impostare una temperatura e mantenerla fissa per delle ore. Questo permette di cucinare a una data temperatura e di mantenerla costante, consentendo di mantenere inalterate le caratteristiche di quello che si cucina e di non rischiare di sovra-cuocere. Questo strumento si presta quindi alla cottura a bassa temperatura sous vide, ovvero sotto vuoto. Impostando quella che deve essere la temperatura al cuore dell’alimento per una data cottura, che sia al sangue, media o ben cotta, il roner la mantiene e quindi oltre quella non si va e non si rischia che la cottura una volta fermata continui sovra cuocendo l’alimento. Inoltre spesso nella cottura in padella o al forno, perchè la carne o il pesce sia cotto al cuore, si rischia spesso che si bruciacchi fuori.

Maionese di soia vegana ovvero finta maionese senza uova

Di: 8 commenti 8 Difficoltà: facile
maionese vegana di soia

Non sono vegetariana, non sono vegana, ma sono curiosa. E’ per questo che ultimamente, complice anche il caldo che mi fa propendere per ricette veloci, mi sono data alla sperimentazione di ricette di maionese alternative. I puristi obietteranno che una maionese senza uova, non è una maionese. Chiamatela allora finta maionese, ma di per sè la maionese è una emulsione tra una parte oleosa e una acquosa e dunque anche se fatta con del latte di soia a mio avviso può essere chiamata maionese di soia.

Comunque vogliate chiamarla, rimarrete stupiti da quanto sia veramente simile alla maionese con le uova! Io mi aspettavo un sapore un po’ farlocco e fagioloso e invece…

Scorze di arance candite: metodo italiano

Di: 12 commenti 12 Difficoltà: facile
scorze di arance candite

Negli ingredienti ho indicato una dose base di bucce di arance in modo che possiate moltiplicare senza problemi per quantità maggiori. Naturalmente, data la lunghezza dei tempi per la canditura, vi consiglio di fare un bel quantitativo di canditi. Se non volete mangiarvi 1kg di arance in un solo giorno raccogliete le scorze giorno per giorno; tenetele a bagno nell’acqua fredda a temperatura ambiente. Questo aiuterà anche a far perdere l’amaro alle stesse. Una volta che avete raccolto il quantitativo sufficiente […]

Come gestire il lievito madre o pasta madre: imparare a capirlo e curarlo

Di: 28 commenti 28 Difficoltà: facile
Gestione pasta madre

Come rinfrescare il lievito nella gestione ordinaria: il lievito madre andrebbe rinfrescato una volta a settimana se tenuto in frigo; oppure ogni 48 ore se tenuto a temperatura ambiente; io, tuttavia, lo tengo anche 1 mese senza rinfrescarlo; poi di tanto in tanto effettuo dei rinfreschi ravvicinati per farlo tornare in forma. Il lievito madre è più difficile da far morire di quanto crediate. Molti lo buttano via perché magari non l’hanno rinfrescato per 1 o due mesi, senza provare […]