Chiudi questo messaggioPer offrirti la migliore esperienza utente possibile questo sito utilizza cookies per memorizzare le tue preferenze e per monitorare il funzionamento del sito.
Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookies Policy.

Fregola sarda al pomodoro risottata

Di: 6 commenti 6 Difficoltà: facile
fregola sarda al pomodoro

Bisogna che mi dia un po’ un freno con i dolci, anche se è un periodo che li farei a tutto spiano. Non perché abbia voglia di mangiarli, ma proprio per il gusto di farli. Ho ancora un cupcake carino carino, fatto qualche giorno fa da postare. Credo che vi piaceranno!

Oggi però torno alla normalità e vi propongo una ricetta per un primo molto gustoso. La fregola sarda o fregula, deriva il suo nome da un termine latino ferculum che potrebbe tradursi con la parola “briciola”.

Pomodorini di pappa al pomodoro

Di: 5 commenti 5 Difficoltà: facile
pomodorini di pappa al pomodoro

A questo tipo di preparazioni proprio non so resistere. L’idea è di Simone Rugiati. Molti non lo sopportano, forse per via del fatto che è un po’ arrogantino. Io però lo trovo eccezionale dal punto di vista della creatività. Le sue preparazioni non sono fatte di accostamenti mirabolanti e di ingredienti introvabili, ma di ingredienti comuni utilizzati in maniera originale. Di lui inoltre apprezzo il modo didascalico e molto puntuale che ha di spiegare e il fatto che chiarisca sempre il perché e il per come di ciascun passaggio.

Quando ho visto preparare questi pomodorini di pappa al pomodoro me ne sono innamorata immediatamente. Sono veramente meravigliosi! Un po’ come i gomitoli di patate che trovate sempre qui sul blog. Ma ve la immaginate una cena a base di finger food che preveda questi pomodorini qui?

Beh, intanto vi spiego come farli.

Vincisgrassi marchigiani bianchi ovvero le lasagne di casa mia

Di: 6 commenti 6 Difficoltà: facile
vincisgrassi marchigiani in bianco

Nelle marche abbiamo le nostre lasagne e si chiamano Vincisgrassi. A casa mia si fanno in un modo non troppo dissimile a quello delle lasagne emiliane, eccetto per il ragù, che facciamo con carne mista (maiale e manzo) e con la polpa anziché concentrato di pomodoro. I Vincisgrassi marchigiani tradizionali invece differiscono dalle lasagne per la presenza di carne tagliata in maniera più grossolana, non tritata, per la presenza di rigaglie di pollo, per la mancanza di besciamella e per la presenza spiccata di spezie quali chiodi di garofano e noce moscata.

Il nome Vincisgrassi è dovuto a un generale austriaco, Alfred von Windisch-Graetz, che, si dice, avesse combattuto e vinto nell’assedio di Ancona, nel 1799, che vedeva contrapposte le truppe austro-russo-turche a quelle napoleoniche. In onore di tale vittoria, una cuoca preparò questa pietanza, la quale piacque molto al generale tanto che la cuoca decise di dargli il suo nome che italianizzò appunto in Vincisgrassi.

Quelli di cui però vi scrivo la ricetta sotto non sono i Vincisgrassi al ragù, ma sono quelli in bianco che prevedono besciamella, funghi e piselli e sono davvero buonissimi. Vi lascio dunque alla ricetta.

Risotto avocado e lime per questi ultimi sprazzi di estate

Di: 2 commenti 2 Difficoltà: facile
Risotto avocado e lime

Lo ammetto. Ci speravo che anche quest’anno l’estate durasse più a lungo come è avvenuto per gli ultimi due anni prima di questo. Ci speravo che “l’estate sta finendo” degli Sfigheira passata in radio come un rintocco funebre a ricordarci che le giornate si stanno accorciando, che, addio magliettine comode, sandali chic e sole caldo sulla pelle, fungesse in qualche modo da rito apotropaico ritarda autunno. E invece no, le temperature si sono abbassate, il cielo bianco inerte ha preso il posto dell’azzurro saturo, le foglie cominciano a diventare gialle e per uscire ci vogliono già calze lunghe e giubbino (almeno per una freddolosa come me, che poi si sa che i primi freddi uno li sente di più) mentre a casa la copertina sulle gambe modello nonnetta è già un must.
E allora un CHE PALLE urlato a squarciagola concedetemelo, perché non mi va proprio giù sta cosa; non la sopporto la pioggia, il vento, il grigio e non mi abituerò mai a scivolare dall’estate all’autunno senza scossoni. Fatemelo dire che mi girano le palle, che oggi è anche il primo giorno di ciclo e ME lo dovete proprio concedere!

E comunque aggrappandomi ancor al ricordo di questa estate, vi propongo una ricetta fresca che qui a casa ci è piaciuta tanto. Un risotto con avocado, lime e pomodorini freschi crudi. Fidatevi, è buono buono!