Chiudi questo messaggioPer offrirti la migliore esperienza utente possibile questo sito utilizza cookies per memorizzare le tue preferenze e per monitorare il funzionamento del sito.
Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookies Policy.

Torta crema chantilly e fragole

Di: 2 commenti 2 Difficoltà: media
torta crema chantilly e fragole

Preparazione del pan di spagna per la torta crema chantilly e fragole   Ingredienti (per una tortiera da 20 x10h. Se ne avete una più bassa usate 4 uova e riproporzionate farina e fecola o frumina. In totale usate 30g di farina + fecola o frumina ogni uovo) 5 uova grandi intere 150g di zucchero semolato 100g di farina 00 debole per dolci 50g di fecola di patate oppure frumina 1 pizzico di sale buccia grattugiata di 3/4 di 1 […]

Swiss roll cake

Di: 8 commenti 8 Difficoltà: facile
swiss roll cake

mi è appunto comparso il video di questo rotolo meraviglioso, setoso, perfetto, senza sbavature. Ho deciso subito di provarlo, non senza una certa dose di scetticismo. Ero quasi certa che non mi sarebbe venuto altrettanto “pulito”, liscio, perfetto e uniforme come quello del video e in effetti quello del video è più liscio del mio, ma sono comunque contenta del risultato. Però è stato un gioco da ragazzi. La ricetta è eccezionale e il risultato garantito. Si ottiene un roll (o un rotolo se preferite) di una sofficità paradisiaca che si scioglie in bocca. PERFETTO!

Io l’ho farcito con delle marmellata di arance, per farlo non troppo calorico, ma l’ho sognato con la crema di nocciole perchè me lo immagino da sturbo.

Beh, ora non vi rimane che mettervi all’opera e provarlo.

Strudel di mele

Di: 4 commenti 4 Difficoltà: media
strudel di mele in pasta fillo

Ancora una volta per alcune dritte molto interessanti su questa ricetta e l’idea di farla con la pasta fillo, devo ringraziare Barbara, una ragazza che mi segue sul blog e che ho conosciuto anche di persona. E’ grazie a lei che tra noi è nata un’amicizia. Io sono più timidona e impacciata ed è grazie a lei, al fatto che mi segue sul blog e quasi conosce meglio di me ogni ricetta presente, se ci siamo conosciute.

E’ capitato in occasione di un suo passaggio qui a Bologna. Io non la conoscevo, ma lei mi scrisse dicendo che avrebbe avuto piacere di conoscermi di persona ed è così che ci siamo ritrovate davanti a un the e qualche pasticcino in una pasticceria di un parco commerciale a chiacchierare. Insieme a lei c’era anche Giada, la sua dolcissima bimba. Da quella volta ora ci scriviamo quasi quotidianamente su whatsapp e ci lasciamo vocali senza fine discutendo un po’ di tutto, ma principalmente di ricette, farine, lievitati.

Ed è sua, tranne che per alcune piccole variazioni, la ricetta che oggi vi regalo.

Avevo della pasta fillo, che avevo rifatto dopo aver usato quella fatta in precedenza per il byrek, ma non avevo ancora le idee chiare su come utilizzarla.

Avevo quindi sovrapposto le mie sfoglie ben infarinate con l’amido di mais e le avevo arrotolate tra due fogli di carta forno e chiusi con la pellicola per utilizzarla quando mi fosse venuta un’idea per utilizzarla.

Nel frattempo a Barbara avevo fatto venire la voglia di fare la pasta fillo che comunque lei fa più spesso di me. Mentre la mia pasta fillo giaceva in frigo in cerca d’autore, Barbara mi ha mandato dei video in anteprima di come lei avevo steso la sua a mano e di come poi l’aveva utilizzata per farci uno strudel spaziale!

A quel punto avevo trovato l’idea per come utilizzare la pasta fillo!

Di seguito la ricetta.

Torta all’acqua- torta senza latte uova e burro

Di: 7 commenti 7 Difficoltà: facile
torta-all'acqua

Circa il mio percorso di dimagrimento e la mia lunga assenza dal blog ho già parlato nel mio ultimo post, quindi non serve che dica altro. Ringrazio tutti per l’accoglienza con cui avete accolto il mio ritorno dopo quattro mesi di assenza. Non è mai stata mia intenzione abbandonare questa mia creatura che quest’anno a giugno festeggerà ben dieci anni di onorata carriera, ma non potendomi sbizzarrire molto in cucina, non avevo molti stimoli o materiale da pubblicare. Essendo sempre stata molto curiosa e amando sperimentare sempre nuove ricette, il mio stimolo era proprio pubblicare ricette nuove, il più delle volte particolari e insolite o provenienti da culture culinarie del mondo e in questo periodo mi mancava un po’ questo stimolo, non potendo cucinare tutto quello che mi passa per la testa e dovendomi n po’ limitare.