Chiudi questo messaggioPer offrirti la migliore esperienza utente possibile questo sito utilizza cookies per memorizzare le tue preferenze e per monitorare il funzionamento del sito.
Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookies Policy.

Tarte tatin, la ricetta originale francese

Di: 8 commenti 8 Difficoltà: media
tarte tatin francese

La tarte tatin è una torta di mele capovolta tipica della tradizione francese, nata per caso da un errore. A cavallo tra la fine dell”800 e l’inizio del ‘900, Stephanie e Caroline Tatin, gestivano un ristorante, di fronte a una stazione che veniva spesso frequentata da cacciatori. Si narra che una domenica , mentre preparava una torta di mele come fine pasto per dei cacciatori, una delle due sorelle dimenticò di mettere alla base dello strato di mele la pasta brisè, facendo quindi caramellare le mele nel burro e nello zucchero. Quando si accorse dell’errore, per rimediare, coprì le mele con un disco di pasta brisè, facendo così cuocere la torta al contrario e capovolgendola una volta cotta. La torta piacque molto ai cacciatori che l’assaggiarono e da quel momento nacque la torta Tatin.

Se questo racconto corrisponda alla verità non lo so, ma i piace pensare che sia così, perchè spesso da un errore nasce qualcosa di buono e non tutto il male viene per nuocere. In effetti la tarte tatin, è una delle torte di mele più buone che ci sia, a mio gusto. Le mele caramellate in burro e zucchero sono qualcosa di paradisiaco. Esiste anche una variante che al posto della brisè utilizza pasta sfoglia, ma io la preferisco con la brisè, che rimane più croccante, meno burrosa al palato e contrasta meglio con le mele caramellate. 

Galette con cavolo cappuccio viola e mele

Di: 0 Difficoltà: facile
galette-di-cavolo-cappuccio-viola-e-mele

Avevo un cavolo cappuccio viola. Ogni tanto ne acquisto uno anche solo per ammirarne il colore meraviglioso. Quelle striature violacee concentriche sono quasi ipnotiche; e a me il cavolo cappuccio piace un casino nell’insalata, crudo. Quel croccantino a me fa impazzire. Cotto non lo uso quasi mai, ma stasera avevo voglia di utilizzarlo per una ricetta e preparare qualcosa di nuovo. Girando in rete ho trovato che molto spesso il cavolo cappuccio viene abbinato alla mela; mi è venuta l’idea allora di prepararci una galette che fosse leggera e gustosa. Ne ho fatta una allora con la pasta matta, che a me piace tanto proprio perchè è una pasta leggera leggera, nel senso che ha pochi grassi, si presta a tante preparazioni e diventa croccantina se cotta bene.

Non ho seguito una ricetta, ma ho fatto un po’ di testa mia. ne è venuta fuori una galette buona buona! E anche Mauro che storceva il naso ne ha voluta più di una fetta. Provatela! Vale la pena anche per il meraviglioso colore che ha!

La apple pie di Nonna papera

Di: 16 commenti 16 Difficoltà: media
apple pie americana

Non era mai successo che stessi lontana dal blog per un tempo così immensamente lungo in tutti questi anni che ormai sono 6 abbondanti!. Il tempo passa anche per il blog e per fortuna da 1 annetto a questa parte l’ho ringiovanito un po’ con qualche punturina di botox facendo il fatidico passaggio a Wordpress tanto immaginato e tanto temuto (che quando si tratta di cambiare le incognite sono sempre tante no?).

Beh, insomma, non era mai capitato che stessi due lunghi mesi lontano da questo mio angolo gastronomico e mi è dispiaciuto tanto per i mie lettori, ma è stato un periodo in cui proprio voglia di cucinare ne avevo poca; questi periodi capitano un po’ a tutti, ma generalmente a me passano presto, mentre questa volta no e a differenza delle altre poi ho vissuto questa lontananza anche bene, senza farmi venire troppa ansia, senza pensare che dovevo assolutamente pubblicare qualcosa.

Crostata frangipane ai frutti di bosco

Di: 14 commenti 14 Difficoltà: facile
Crostata frangipane con confettura di frutti di bosco

Confesso di essere arrivata fino alla veneranda età di 40 anni senza aver mai provato una ricetta contenente la crema frangipane e confetto anche che pur sapendo che conteneva farina di mandorle, ne avevo una vaga idea e non immaginavo neanche il sapore e la consistenza, ma soprattutto non mi ero mai chiesta da cosa derivasse il suo nome.