Chiudi questo messaggioPer offrirti la migliore esperienza utente possibile questo sito utilizza cookies per memorizzare le tue preferenze e per monitorare il funzionamento del sito.
Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookies Policy.

Gelato alla crema (crema al limone)

Di: 4 commenti 4 Difficoltà: facile
gelato alla crema - crema al limone

Veniamo da un periodo triste e tragico che ci ha travolti lasciandoci attoniti e inermi di fronte a qualcosa che no avevamo mai provato in precedenza.
Una pandemia che tutt'ora non smette di impensierirci e di preoccuparci e ora, come in un incubo ci troviamo di fronte a una guerra vicino casa la cui escalation non possiamo prevedere e le cui sorti neanche. C'è il rischio di un conflitto globale e sapere di essere in mano a governanti mondiali che pensano prima alle sorti economiche e al prestigio e alla potenza delle proprie nazioni non può certo rassicurarmi. Lo scenario geopolico cambia di giorno in giorno e quale sarà la nostra posizione del mondo in futuro non lo sappiamo.

Vedere la strage di civili che giornalmente affolla le strade Ucraine e di conseguenza i nostri telegiornali mi distrugge.

In tutto questo marasma di emozioni per cercare di distrarmi un po' faccio quello che mi riesce meglio fare e che mi aiuta di più: cucinare. E allora ieri ho dato il via alla prima produzione di gelato, anche se le temperature sono ancora bassine (specialmente a casa mia. Per risparmiare teniamo i termosifoni bassi).

Ho caperto la stagione dei gelati con un gusto classico. La crema al limone. Uno di quei gusti civetta, che lo prendi in gelateria per capire se è buona o meno; sì, per fare uan crema buona non è semplici e se usi tuorli in polvere, aroma di limone invece che le zeste appena grattugiate, senti che non è buono.

La ricetta viene dal gruppo facebook Gelatiamo. E' la prima ricetta che provo di quelle dei file che trovate in questo gruppo e ne sono davvero entuasiasta.

Questo gelato alla crema è davvero eccezionale! Provatelo e mi direte. Io ho riproporzionato la ricetta per ottenere 700g di gelato perchè nella mia Gaggia vintage non credo ne vada di più.
Mio marito, che era scettico si è abbondantemente ricreduto e dice che è una delle creme più buone mai assaggiate. Io ho aggiunto buccia di limone e vaniglia alla ricetta originale.

- Ingredienti -

(per 5 porzioni)

  • 415ml di latte intero
  • 32ml di panna
  • 28g di latte scremato in polvere
  • 85g di tuorlo
  • 95g di saccarosio
  • 42g di destrosio in polvere
  • 3,5g di farina di semi di carrube
  • buccia grattugiata di 2 limoni
  • 1 pizzico di vaniglia naturale in polvere oppure mezzo cucchiaino di estratto di vaniglia
per una vaschetta da 700g di gelato

- Procedimento -

Premessa d’obbligo da leggere!

prima che me lo chiediate e prima che qualcuno sbagli. La farina di SEMI di carrube, non è la farina di carrube! La farina di carrube è un surrogato del cacao, è di colore marrone e si trova in barattolini tipo quelli dell’orzo in polvere.

La farina di SEMI di carrube invece è un addensante. E’ una polvere color bianco panna e si trova in piccoli barattolini perchè se ne usano pochi grammi per kg di gelato.

E, sempre prima che me lo chiediate. Sì, il destrosio è indispensabile perchè ha un potere anticongelante più alto del saccarosio e un potere dolcificante un po’ inferiore quindi serve a non creare dei gusti troppo dolci e a mantenere il gelato spatolabile dopo il congelamento. Anche la farina di semi di carrube è necessaria, perchè serve ad addensare, come dicevo sopra e dà cremosità al gelato.

Il destrosio potete trovarlo in farmacia o online. La farina di semi di carrube ce l’hanno da Naturasì, marca Rapuntzel.

 

Preparare la miscela per il gelato alla crema

dividete i tuorli dagli albumi. Pesate i tuorli necessari, unitevi lo zucchero semolato e montate fino ad ottenere un composto spumoso. Unite ora il latte in polvere, il destrosio e la farina di semi di carrube. Mescolate per amalgamare il tutto.

In un pentolino capiente unite il latte intero alla panna, alla buccia grattugiata dei limoni e la vaniglia; portate quasi a bollore. Non appena noterete delle bollicine ai bordi del pentolino spegnete. Versate sul composto di tuorli poco alla volta mescolando continuamente con una frusta.

Riversate ora il composto nel pentolino e ponete nuovamente su fuoco medio. Pastorizzate quindi la miscela portandola a 85°. Verificate con un termometro e quando la temperatura raggiunge gli 83° spegnete il fuoco perchè poi la temperatura continuerà un po’ a crescere e arriverà agli 85° richiesti.

Ora dovrete abbattere velocemente la temperatura della miscela. Trasferitela quindi in una ciotola di plastica. Se avete un abbattitore abbattete in positivo altrimenti riempite il lavandino con acqua fredda e ghiaccio e immergete la ciotola mescolando continuamente. Non appena la miscela sarà fredda o quasi coprite la ciotola con della pellicola e trasferite in frigo per almeno 4h o anche per tutta la notte.

 

Mantecatura del gelato

Trascorso il tempo di riposo, avviate la gelatiera per 5 minuti in modo che cominci a raffreddare, quindi prelevate la miscela di gelato alla crema dal frigo, attivate il movimento delle pale della gelatiera e versate la miscela.

Attivate il timer e in circa 30 minuti il gelato alla crema sarà pronto. Con un lecca-pentole o un cucchiaio prelevate il gelato e mettetelo in una vaschetta di quelle in polistirolo che usano i gelatai per il gelato d’asporto. Io le tengo da parte quando compro il gelato in gelateria; l’alternativa è chiedere a un gelataio di darvi un paio di vaschette, offrendovi di pagargliele.

 

Prova anche:

- Valuta questa ricetta -

4.7/5 - (6 votes)
Gelato alla crema (crema al limone)
4.67

4.67

5 6
00 unknow 00 unknown
4 commenti

4 commenti sul post:
“Gelato alla crema (crema al limone)”

  • Dina ha detto:

    Martina bello questo gelato. Credi che potrei arricchirlo con del caramello o mi consigli un’altra ricetta?

    1. Martina ha detto:

      Se lo usi come variegatura va benissimo..:Diventa una sorta di gelato creme brulee

  • Camilla Grosoli ha detto:

    Grazie per l’ottima ricetta ! Posso sostituire il saccarosio col maltilolo ? ( ce l’ho in casa ) Grazie !

    1. Martina ha detto:

      Non sono esperta, quindi non saprei. Il maltitolo è un polialcolo e come tale non va assunto in grandi dosi perchè può avere effetti lassativi, però non so quale sia la dose oltre la quale non si può andare . Inoltre non so se ha potere anticongelante al pari del saccarosio e ultima cosa, ha un potere dolcificante inferiore al saccarosio (circa il 75%).

Lasciami un commento :)

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: