Chiudi questo messaggioPer offrirti la migliore esperienza utente possibile questo sito utilizza cookies per memorizzare le tue preferenze e per monitorare il funzionamento del sito.
Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookies Policy.

Spaghetti con polpette: la mia versione. M’avete provocato? E io vi distruggo.

Di: 8 commenti 8 Difficoltà: facile
spaghetti con polpette al sugo

Avete presente la mitica scena in cui Albertone (Sordi) di fronte a un piattone immenso di maccaroni al sugo esordisce con “Maccarone, m’hai provocato? E io ti distruggo. Io me te magno”? Ecco, a me questo piatto di spaghetti con polpette al sugo mi fa pensare a quella scena. Mi anche pensare a Lilli e il Vagabondo, il film della Disney in cui i due cagnolini mangiano dallo stesso piatto di spaghetti al sugo con polpette.

Associazioni cinematografiche a parte, questi spaghetti sono la fine del mondo! Preparate tante polpette al sugo. Fatene un po’ piccoline, del diametro di circa 1,5-2cm per farci gli spaghetti e altre più grandi del diametro di 4-5cm da mangiare come secondo piatto, magari un altro giorno. Io ho fatto così

Vincisgrassi marchigiani bianchi ovvero le lasagne di casa mia

Di: 6 commenti 6 Difficoltà: facile
vincisgrassi marchigiani in bianco

Nelle marche abbiamo le nostre lasagne e si chiamano Vincisgrassi. A casa mia si fanno in un modo non troppo dissimile a quello delle lasagne emiliane, eccetto per il ragù, che facciamo con carne mista (maiale e manzo) e con la polpa anziché concentrato di pomodoro. I Vincisgrassi marchigiani tradizionali invece differiscono dalle lasagne per la presenza di carne tagliata in maniera più grossolana, non tritata, per la presenza di rigaglie di pollo, per la mancanza di besciamella e per la presenza spiccata di spezie quali chiodi di garofano e noce moscata.

Il nome Vincisgrassi è dovuto a un generale austriaco, Alfred von Windisch-Graetz, che, si dice, avesse combattuto e vinto nell’assedio di Ancona, nel 1799, che vedeva contrapposte le truppe austro-russo-turche a quelle napoleoniche. In onore di tale vittoria, una cuoca preparò questa pietanza, la quale piacque molto al generale tanto che la cuoca decise di dargli il suo nome che italianizzò appunto in Vincisgrassi.

Quelli di cui però vi scrivo la ricetta sotto non sono i Vincisgrassi al ragù, ma sono quelli in bianco che prevedono besciamella, funghi e piselli e sono davvero buonissimi. Vi lascio dunque alla ricetta.

Pasta con fichi e pancetta dolce

Di: 9 commenti 9 Difficoltà: facile
pasta con fichi e pancetta

per questa pasta ho utilizzato dei fichi neri e della pancetta stagionata dolce che ho preso dal macellaio. Potete anche sostituire la pancetta con del guanciale e secondo me il risultato sarà altrettanto buono. La sapidità della pancetta e del guanciale si sposano benissimo con il dolce del fico.   Preparazione della pasta con fichi e pancetta Mettete dell’acqua in una casseruola e ponetela sul fuoco; portate a bollore. Lavate accuratamente i fichi e senza sbucciarli, tagliateli a spicchi; tagliate […]

Spaghetti di farro con pomodorini caramellati o confit in padella

Di: un commento 1 Difficoltà: facile
spaghetti di farro con pomodorini caramellati

Se siete alla ricerca di un pasta gustosa, genuina, estiva e veloce da preparare, questa è la ricetta che fa per voi. Solitamente i pomodori confit o pomodori caramellati si preparano al forno con una cottura molto lenta a 100° e non di più e vengono conditi con zucchero o zucchero di canna, sale, aglio e erbe aromatiche a piacere tra rosmarino, timo, origano. I pomodori devono asciugarsi lentamente in modo tale che il gusto si concentri.
Io invece ho voluto preparare i pomodori caramellati in padella. Il procedimento è veloce e il gusto altrettanto intenso.