Chiudi questo messaggioPer offrirti la migliore esperienza utente possibile questo sito utilizza cookies per memorizzare le tue preferenze e per monitorare il funzionamento del sito.
Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookies Policy.

Crescenta bolognese o crescente delle sorelle Simili

Di: 4 commenti 4 Difficoltà: facile
crescenta bolognese o crescente bolognese

Le sorelle Simili qui a Bologna le conoscono tutti di nome. Sono un’istituzione. Due gemelle che in passato gestivano un forno e ora, dal 1986, gestiscono una scuola di cucina conosciuta in tutto il mondo.

Ora una premessa. Non me ne vogliano i bolognesi che guai a chi osa criticare la loro tradizione culinaria, ma, a mio modesto parere, qui a Bologna il pane e i lievitati non li sanno fare o comunque li fanno maluccio.
Diciamo che la cucina emiliana vive di rendita per il fatto di aver inventato tortellini, lasagne e compagnia bella, ma a me la cucina qui è sempre sembrata greve, un po’ rozza nonché inutilmente grassa. Non che i sapori non siano buoni, ma li ho sempre trovati un po’ volgarotti.

Della serie “nel dubbio tu aggiungi un panetto di burro, della besciamella o della panna e tutto diventa magicamente buono”. Ecco, secondo me a fare roba gustosa inzeppando tutto di burro non è così difficile. Il difficile è, sempre a mio parere, fare dei piatti buoni e con un tenore di grassi normale e qui questo concetto è una chimera.

Pizza con i grasselli marchigiana II

Di: 2 commenti 2 Difficoltà: media
Pizza coi grasselli marchigiana

preparare la pizza coi grasselli è semplice. Versate la farina nella ciotola dell’impastatrice (o in una terrina se intendete lavorare a mano). Sciogliete il lievito e il malto nell’acqua e versate nell’impastatrice. Cominciate a impastare a bassa velocità; quando l’impasto comincerà a risultare compatto e omogeneo, aggiungete il vino poco alla volta. Impastate fino ad incordare. L’impasto dovrà risultare compatto, semi-lucido e molto elastico. fate la prova velo per verificare il grado di incordatura. prelevate un pezzetto di impasto e […]

Focaccia genovese alla cipolla

Di: 8 commenti 8 Difficoltà: media
focaccia genovese alla cipolla

Che le focacce siano la mia passione dovrebbe essere chiaro dalla quantità insana di ricette di focaccia. La focaccia la preferisco alla pizza, a quella al taglio, ma ancora di più a quella al piatto, di cui tutto sommato ho scoperto non essere una vera amante, specialmente nella versione napoletana (abbiate pietà di me, che ci posso fare?).

La focaccia, specialmente quella con il fondo croccante e l’interno morbido, asciutta, ma soffice è uno dei mie piatti preferiti in assoluto…Se poi sopra ci sono le cipolle, del sale in fiocchi o del sale grosso allora è il non plus ultra della libidine. Se ad accompagnarla poi sono affettati, formaggi molli e magari sottolio, per me non c’è storia. La salivazione mi sta già salendo al solo pensiero.

Cracker salati in superficie senza lievito

Di: 6 commenti 6 Difficoltà: facile
cracker salati in superficie

Come sempre le ricette più buone nascono a volte per caso. Nel fare la ricetta di ieri mi era avanzata della pasta matta e di buttarla onestamente proprio non ne avevo voglia.

Data la croccantezza che contraddistingue la pasta matta, ho pensato di provare a realizzare dei cracker salati. Il risultato è stato super. La consistenza è davvero molto simile a quella dei cracker, forse solo leggermente meno friabili ma più croccanti. Ho usato del fleur de sel per renderli più saporiti e sapidi.
Rispetto ai cracker che si trovano in commercio sono più leggeri e sono ideali per una merenda o per spezzare la fame a metà mattina.