Chiudi questo messaggioPer offrirti la migliore esperienza utente possibile questo sito utilizza cookies per memorizzare le tue preferenze e per monitorare il funzionamento del sito.
Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookies Policy.

Strudel di mele

Di: 4 commenti 4 Difficoltà: media
strudel di mele in pasta fillo

Ancora una volta per alcune dritte molto interessanti su questa ricetta e l’idea di farla con la pasta fillo, devo ringraziare Barbara, una ragazza che mi segue sul blog e che ho conosciuto anche di persona. E’ grazie a lei che tra noi è nata un’amicizia. Io sono più timidona e impacciata ed è grazie a lei, al fatto che mi segue sul blog e quasi conosce meglio di me ogni ricetta presente, se ci siamo conosciute.

E’ capitato in occasione di un suo passaggio qui a Bologna. Io non la conoscevo, ma lei mi scrisse dicendo che avrebbe avuto piacere di conoscermi di persona ed è così che ci siamo ritrovate davanti a un the e qualche pasticcino in una pasticceria di un parco commerciale a chiacchierare. Insieme a lei c’era anche Giada, la sua dolcissima bimba. Da quella volta ora ci scriviamo quasi quotidianamente su whatsapp e ci lasciamo vocali senza fine discutendo un po’ di tutto, ma principalmente di ricette, farine, lievitati.

Ed è sua, tranne che per alcune piccole variazioni, la ricetta che oggi vi regalo.

Avevo della pasta fillo, che avevo rifatto dopo aver usato quella fatta in precedenza per il byrek, ma non avevo ancora le idee chiare su come utilizzarla.

Avevo quindi sovrapposto le mie sfoglie ben infarinate con l’amido di mais e le avevo arrotolate tra due fogli di carta forno e chiusi con la pellicola per utilizzarla quando mi fosse venuta un’idea per utilizzarla.

Nel frattempo a Barbara avevo fatto venire la voglia di fare la pasta fillo che comunque lei fa più spesso di me. Mentre la mia pasta fillo giaceva in frigo in cerca d’autore, Barbara mi ha mandato dei video in anteprima di come lei avevo steso la sua a mano e di come poi l’aveva utilizzata per farci uno strudel spaziale!

A quel punto avevo trovato l’idea per come utilizzare la pasta fillo!

Di seguito la ricetta.

Spaetzle – gnocchetti tirolesi agli spinaci con speck e cipolla

Di: 2 commenti 2 Difficoltà: facile
spaetzle agli spinaci

Un piatto tipico di Bolzano sono gli spaetzle, degli gnocchetti fatti di acqua farina, uovo ed eventualmente spinaci da condire con formaggi oppure con il tipico speck. Per realizzare questi gnocchetti si usa uno strumento che assomiglia un po’ a una grattugia che si appoggia su una pentola con acqua bollente con dei buchini di 1/2cm di diametro circa su cui si poggia un carrellino dove si versa l’impasto; facendo scorrere il carrellino avanti e indietro, l’impasto viene spinto attraverso […]

Cocktail Hugo o spritz hugo e l’aperitivo è servito

Di: 0 Difficoltà: facile
cocktail hugo o spritz hugo

preparare il cocktail Hugo è semplice. Munitevi di un bicchiere a calice. Versate i cubetti di ghiaccio nel calice. Versate poi lo sciroppo di sambuco, il prosecco e infine il seltz. Mescolate bene e decorate con un rametto di foglie di menta. Servite immediatamente. Questo cocktail, anche noto come spritz Hugo è ideale per un aperitivo non molto alcolico e adatto quindi anche a chi non è abituato a bere. E’  molto piacevole e solitamente piace a tutti perchè è […]

Torta di grano saraceno

Di: 52 commenti 52 Difficoltà: facile

fate ammorbidire il burro e montatelo insieme ai tuorli d’uovo e 75g di zucchero fino ad ottenere una crema chiara e spumosa. Aggiungete la farina di mandorle e quella di grano saraceno e mescolate per farle amalgamare al burro. Aggiungete un pizzico di sale. A parte montate le chiare finché saranno semi montate e a questo punto aggiungere i rimanenti 50g di zucchero montando bene finché le chiare saranno ben sode e ferme. A questo punto incorporate una prima parte […]