Chiudi questo messaggioPer offrirti la migliore esperienza utente possibile questo sito utilizza cookies per memorizzare le tue preferenze e per monitorare il funzionamento del sito.
Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookies Policy.

Parker house rolls – come addentare una nuvola

Di: 12 commenti 12 Difficoltà: media
parker house rolls

Questo genere di lievitati a me fanno impazzire. Sono di quelli sofficissimi che schiacci fino ad assottigliarli e tornano su come una spugna. Hanno poi un sapore neutro che si adatta al dolce come al salato e sono quindi anche perfetti per un buffet, magari facendoli di pezzatura più piccola. Sono ottimi anche per farci degli hot dogs.
Noi ce li siamo mangiati per pranzo con del crudo e sono buonissimi. Il latte e il latte in polvere li rendono davvero leggerissimi e con una mollica cotonosa ed eterea. A noi sono piaciuti da matti..Provateli e mi direte che ne pensate.

La ricetta viene dal gruppo Facebook della Confraternita della pizza, pubblicata da Dany Bina.

Wool roll bread, la ricetta che impazza sul web

Di: 22 commenti 22 Difficoltà: media
wool roll bread

nel video di cui ho messo il video sopra, gli ingredienti vengono inseriti in planetaria tutti insieme e l’impasto non ha problemi a incordare. Avendo io fatto la ricetta più volte vi suggerisco invece di versare quasi tutti gli ingredienti escludendo inizialmente il sale e versando solo 1/3 della panna. Avviate la macchina a velocità bassa fino a far amalgamare sommariamente gli ingredienti, quindi unire il sale. In questo modo eviterete  che venga a contatto con il lievito disattivandolo. Fate […]

Piadina sfogliata

Di: 14 commenti 14 Difficoltà: facile
piadina sfogliata romagnola

Di tipologie di piadine in Emilia Romagna ne esistono tante quante sono le province e anche di più. C’è quella compatta, un po’ gessosa, panosa con la pezzatura leopardata regolare, piccola di dimensione e spessa 3 o 4 mm, poi c’è quella sottile e sfogliata con le chiazze scure irregolari. C’è quella piccola, di 15-16cm di diametro all’incirca e spessa 1cm che fanno a Castel San Pietro. Insomma ce n’è per tutti i gusti.
Per me però, piadina = piadina sfogliata, quella sottile, che quando la tagli perde i pezzi, che quando la mordi un po’ si sbriciola, fragrante e un po’ friabile.
Se piace anche a voi così, seguite questa ricetta che va per la maggiore su un gruppo Facebook ed è di Angela Verdiani, che non conosco, ma a cui va giustamente riconosciuta la paternità della ricetta.

Pane a lievitazione naturale con idratazione al 68%

Di: 10 commenti 10 Difficoltà: difficile
pane a lievitazione naturale con 68% di idratazione

Verso le ore 14,00-15,00, unite nell’impastatrice la farina e tutta l’acqua. Avviate la macchina a velocità medio bassa e lasciate lavorare per 3 o 4 minuti. La farina dovrà essere completamente idratata e l’impasto dovrà risultare abbastanza omogeneo. Coprite la ciotola dell’impastatrice con un canovaccio e lasciate in autolisi per circa 2 ore o comunque il tempo necessario affinché il licoli sia cresciuto del 50%.   Che cos’è l’autolisi e a cosa serve L’autolisi è un processo che può durare da […]