Chiudi questo messaggioPer offrirti la migliore esperienza utente possibile questo sito utilizza cookies per memorizzare le tue preferenze e per monitorare il funzionamento del sito.
Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookies Policy.

La brazadela, la ciambella romagnola, ma anche un po’ emiliana

Di: 26 commenti 26 Difficoltà: facile
ciambella romagnola o brazadela

Brazadéla è il nome che contraddistingue questa ciambella dura ricoperta di zuccherini che si mangia un po' in tutta l'emilia romagna. E' un dolce semplice, di quelli che sanno di storia e di tradizione. La si gusta solitamente a fine pasto, pucciata in un buon bicchiere di vino (a Bologna solitamente bianco frizzante), ma è perfetta per la colazione: si inzuppa che è una meraviglia e nella sua semplicità è veramente buonissima.

- Ingredienti -

(per 12 porzioni)

  • 500g di farina 00 per dolci
  • 200g di zucchero semolato
  • 100g di burro
  • 3 uova (di cui 1/2 per spennellare prima di infornare)
  • 20g di liquore all'anice tipo Mistrà, Anisetta o Sambuca
  • la buccia grattugiata di 1 limone
  • 1 pizzico di sale
  • 10g di lievito chimico per dolci
  • zuccherini per la superficie

- Procedimento -

preparare la brazadela o ciambella romagnola o ciambella bolognese è facile e veloce.

Portate il forno a 180° in modalità statica.

Setacciate farina e lievito in una ciotola; se usate l’impastatrice montate il gancio a foglia, quello indicato perla pasta frolla. Alla farina unite lo zucchero semolato e la buccia grattugiata di un limone.

Formate quindi una fontana ricavando una sorta di cratere al centro per ospitare gli ingredienti liquidi. Rompete quindi le uova e versatele al centro della fontana; tenete da parte due cucchiaini di uovo per spennellare poi la ciambella prima di infornare; unite quindi il burro morbido e fatto a cubetti; per finire aggiungete un pizzico di sale e il liquore all’anice.

Cominciate a impastare e amalgamate il tutto lavorando fino ad ottenere un composto compatto e omogeneo.

 

Formatura e cottura della brazadela o ciambella romagnola (o ciambella emiliana):

compattate bene l’impasto e formate una sorta di salame; coprite una teglia con della carta da forno e adagiateci l’impasto. Schiacciatelo e dategli al forma di un ovale. Ora spennellate la ciambella con l’uovo tenuto da parte e poi decoratela con gli zuccherini; premete gli zuccherini in modo che rimangano poi attaccati una volta sfornata la brazadela.

 

Infornate per circa 50 minuti. In giro ci sono altre ricette che indicano 30 minuti come tempo di cottura, ma a me ce ne sono voluti ben di più. Purtroppo quindi dovrete regolarvi con il vostro forno; non tutti cuociono alla stessa maniera. Vi basterà fare la prova stecchino dopo 30 minuti per verificare se sia cotta o meno; se non lo è continuate la cottura per altri 5 minuti e poi ricontrollate e via così.

 

Sfornate la brazadela e mettetela a raffreddare su una gratella. Servite la ciambella a fine pasto con un buon bicchiere di vino o con del vin santo.

ciambella romagnola o brazadela

ciambella romagnola o brazadela

ciambella romagnola o brazadela

 

- Valuta questa ricetta -

La brazadela, la ciambella romagnola, ma anche un po’ emiliana
4.3 (86.67%) 12 votes

La brazadela, la ciambella romagnola, ma anche un po’ emiliana
4.33

4.33

5 12
00 unknow 00 unknown
26 commenti

26 commenti sul post:
“La brazadela, la ciambella romagnola, ma anche un po’ emiliana”

Ehi, sei passato di qua? Lasciami un commento :)