Chiudi questo messaggioPer offrirti la migliore esperienza utente possibile questo sito utilizza cookies per memorizzare le tue preferenze e per monitorare il funzionamento del sito.
Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookies Policy.

Di semi, germogli, germogliatori e insalate detox

Di: 11 commenti 11
Di semi, germogli, germogliatori e insalate detox

Qualche giorno fa, qui, vi avevo anticipato che avevo in serbo alcune idee e stavo sperimentando una cosina di cui vi avrei parlato.
Beh, è giunto il momento di parlarvene. Ultimamente, ve l'ho detto più volte sto cercando di fare attenzione a un'alimentazione sana, che poi è una tendenza che è anche necessaria per via dell'operazione alla cistifellea che ho avuto il 6 di febbraio...Da allora ho inaugurato la nuova rubrica Ricette light, facendo un po' di necessità virtù e ora potete avere accesso ai miei esperimenti di
cucina sana e leggera cliccando direttamente sul bollino che vedete nella colonna di destra. Io di solito sono una che non è abituata a farsi molti complimenti, ma una cosa me la devo riconoscere ed il pregio di cui più vado fiera: la curiosità. E non intendo la curiosità come il bisogno di non farsi gli affaracci propri , ma come la virtù di avere sempre voglia di imparare nuove cose. Sembra scontato, ma conosco davvero persone che sanno lo stretto necessario che serve a loro per svolgere le proprie azioni quotidiane, per lavorare ecc...Mentre io mi interesso di qualsiasi cosa, persino di cose che non riguardano per niente i miei hobby...Se per esempio viene l'idraulico ad aggiustare la caldaia, io mi faccio spiegare come funziona e perché deve cambiare questo o quel pezzo e magari sto anche a guardare mentre aggiusta..Si sa mai, la prossima volta se risuccede posso fare ipotesi su qual è il problema e, se non richiede strumenti e saperi troppo specifici, posso ripararla io!

Tutto questo per dire che su internet  gironzolo come se fossi dentro una gigante enciclopedia sempre alla ricerca di novità, cose particolari o cose a me sconosciute da poter imparare. In uno
di quei miei trip virtuali attraverso questa enciclopedia sconfinata mi sono imbattuta in un sito che parlava di germogli e da lì mi sono appassionata e ho cercato altre informazioni. Ho letto che fanno davvero benissimo alla salute perché sono ricchissimi di vitamine, sali minerali, amminoacidi ed enzimi. Pare, così si dice in rete, che un germoglio contenga in nuce tutti i nutrienti della pianta che poi si svilupperà e quindi mangiare un pugnetto di germogli dà all'organismo una quantità di energia e di elementi nutritivi eccezionale...E allora? E allora ho fatto una scorribanda da Naturasì e ho acquistato un germogliatore e una discreta varietà di semini e ho cominciato ad auto-produrmi i germogli in casa..Non solo è sano, ma è anche divertente, quasi magico, veder germogliare questi semini e imparare a riconoscerne le diverse qualità e i diversi sapori. Per chi non avesse idea di cos'è un germogliatore vi mostro una foto del mio con dentro i meravigliosi germogli:

Dunque il germogliatore è questo. Una torretta con tre ripiani con delle fessure per far defluire l’acqua più il ripiano che sta alla base che raccoglie l’acqua di scolo.
E qui ecco una foto da vicino dei germogli, che in questo caso sono germogli di alfa alfa e trifoglio.

Farsi dei germogli in casa è molto semplice. Basta acquistare dei semini, tenerli a bagno per qualche ora (per ogni qualità è
consigliato tenere a mollo i semini per un numero di ore diverso. Naturalmente per i semini molto piccoli servono meno ore e per quelli più grandini o con la scorza più dura, più ore).Si può far germogliare di tutto: semi di broccolo, di cavolo, di porro, di aglio, di alfa alfa (o erba medica), di trifoglio, di fagioli mungo (i fagioli verdi, comunemente noti come semi di soia), di ceci, di
lenticchie, di senape, di azuchi rossi, di finocchio, di piselli, di avena, di kamut, di segale  ecc… Ognuno ha il suo
sapore e le sue caratteristiche.

Far crescere i germogli è facilissimo…Basta spargere i semi sul germogliatore e ricordarsi di dargli un bicchiere d’acqua sul ripiano superiore (poi l’acqua defluisce e scende ai ripiani inferiori) due volte al giorno e il gioco è fatto…La maggior parte dei germogli cresce in 3-5 giorni..Alcuni ci mettono un po’ di più, ma al massimo si arriva a 10 giorni.. Io per ora ho avuto dei germogli pronti in massimo 4 giorni (6 per i semi di girasole). Una volta che i germogli sono pronti basta versarli in uno scolapasta dai buchi un po’ grandini, metterci sotto una ciotola che lo contenga e riempire con l’acqua muovendo poi i germogli con le mani ripetutamente in modo da liberarli dalle pellicine del chicco. Sollevare poi lo scolapasta in modo da far passare le pellicine dai buchi dello scolapasta, Questa operazione va ripetuta diverse volte fino ad avere i germogli quasi completamente puliti.

Poi lasciate scolare per un po’ i germogli e riponeteli in un barattolo di vetro con un coperchio a vite e conservateli in frigo. Si conservano per circa 1 settimana.

Ma per fare i germogli non è strettamente necessario acquistare un germogliatore, ma possono bastare dei delle vaschette per alimenti come quelle in cui sono conservate le verdure al supermercato. Qui trovate le indicazioni su come fare.

Questi germogli si utilizzano crudi, perché mantengano tutti gli elementi nutritivi inalterati, e in particolare nelle insalate, sopra i formaggi non stagionati, sui crostini, a crudo sopra le zuppe di verdura.

germogli
Germogli di alfa alfa
Germogli di fagioli mungo (fagioli di soia)

 

 

Germogli di girasole

Io, per ora li ho provati nelle insalatone e vi propongo la ricetta di una buonissima insalatona detox, ricca di vitamine, sali minerali e gustosissima.

 

INSALATONA DETOX CON GERMOGLI DI ALFA ALFA E DI GIRASOLE

 

Ingredienti:

valeriana
insalatina tipo lattughino
carote
ravanelli
porro
germogli di alfa alfa
germogli di girasole
gomasio homemade
olio extravergine

Preparazione:

lavate bene e asciugate la valeriana e il lattughino, aggiungete le carote a julienne, i ravanelli tagliati a fette sottili e i germogli. Mescolate bene, condite con gomasio e olio d’oliva.

 

——————————————–

Germogliatore | Geo
Semini | Naturasì

- Valuta questa ricetta -


Di semi, germogli, germogliatori e insalate detox
3

3

5 5
00 unknow 00 unknown
11 commenti

11 commenti sul post:
“Di semi, germogli, germogliatori e insalate detox”

  • Barbara ha detto:

    Sei stata decisamente esauriente e… molto didattica! I germogli mi hanno sempre incuriosito, ma temevo che la crescita fosse cosa molto più complicata… dovrò munirmi al più presto di germogliatore, grazie!

  • ti faccio i miei piu' sinceri complimenti per questa lezioncina sui germogli..idea fantastica!!!sono curiosa e tenterò anch'io!!!buon inizio di settimana…

  • Mi sa che compro anche io un germogliatore. Mi hai fatto venire una voglia… 🙂
    Un bacione !
    xoxo

  • Mi accodo, che voglia di comprare immediatamente il germogliatore 🙂 Credo inizierò con l'opzione fai da te in vaschetta, per sperimentare. È sempre un piacere trovare persone che si sforzano per il km zero e il mangiar sano!

    Complimenti =*

  • nanocucina ha detto:

    mi sa tanto che mi dedicherò anch'io all'autoproduzione di germogli. e all'autoproduzione di un germogliatore!

  • io i germogli me li faccio ogni tanto nelle vaschette. purtroppo nn ho spazio per il germogliatore che è la scelta migliore. Nelle vaschette i germogli posson fare muffe e hanno bisogno di qualche cura in +! Son contenta per la tua scelta di mangiare meglio. Anch'io cerco di mangiare bene, di limitare i grassi animali e i cibi confezionati. continua così!

  • pips ha detto:

    sono tenerissimi, posso dirlo? 🙂

  • Benedetta Marchi ha detto:

    Mi piacerebbe si quel bellissimo "germogliatore"!!! :))))))

  • @Barbara:alla fine del post, sotto l'ultima foto hjo messo un link dove puoi prenderlo online…Altriemnti lo trovi da Naturasì…Ce l'hanno anche in terracotta…E' molto bello ma pare che funzioni peggio perchè l'acqua ristagna di più e si formano muffe, poi rimangono gli odori nella terracotta…Così mi ha detto un signore che ce l'ha avuto..

    @le ricette di Ninì: se dovessi farli davvero poi dimmi come sono venuti e se ti sono piaciuti…Mi raccomando eh, ci tengo!

    @Ana: sì dai na, prendilo…costa poco! Poi dimmi!

    @Valentina: si dai prova…se poi ti soddisfano al limite ti prendi il germogliatore in un secondo momento…

    @nanocucina: vai di autoproduzione!!! 🙂

    @cleare, sì immagino che nelle vaschette magari è un po' più complicato, però…basta farci dei bei buichini in modo che l'acqua defluisca e non ristagni

    @pips: anche io li trovo molto teneri! Certo che puoi dirlo!

    @Benedetta: lo trovi da Naturasì, oppure online…è il germogliatore della Geo…Non costa molto..

  • UnaZebrApois ha detto:

    Anch'io uso internet come enciclopedia e mi incuriosisco di un sacco di cose che mai avrei pensato potessero interessarmi!
    L'idea del germogliatore mi piace un sacco!
    mi sa che provo la versione homemade perchè averlo "di recupero" mi piace un bel po' come idea!
    e l'insalatina è davvero stuzzicante 😀

  • Pink Butterfly ha detto:

    Capito qui dopo aver trovato una tua foto su Pinterest e mi sono subito innamorata del tuo blog.
    Le tue ricette mi sembrano ottime.
    Non me ne perderó una.

    A presto

    Ilaria

  • Ehi, sei passato di qua? Lasciami un commento :)