Chiudi questo messaggioPer offrirti la migliore esperienza utente possibile questo sito utilizza cookies per memorizzare le tue preferenze e per monitorare il funzionamento del sito.
Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookies Policy.

Pan brioche all’arancia – una treccia brioche carica di gusto

Di: 21 commenti 21 Difficoltà: media
pan brioche all'arancia a forma di treccia

Pasqua si avvicina e io ancora non ho fatto neanche una colomba, anche se non vedo l'ora di farne. L'impasto lievitato dei grandi lievitati mi affascina terribilmente. Tenere in mano l'impasto incordato a dovere è rilassante e poetico. Quella setosità burrosa, soffice e leggera ma allo stesso tempo tenace è davvero un miracolo. Può sembrare eccessivo per ci non ama cucinare o chi non ama fare impasti lievitati, ma chi invece ha questa passione mi capirà.

Comunque, in attesa di fare una colomba, ho preparato questo pan brioche all'arancia a forma di treccia: l'ho servita a dei miei amici con una tisana e pensavamo fosse una colomba. In effetti la ricorda, perchè l'ho aromatizzata all'arancia e ci ho messo dentro dei canditi di arancia tritati e della marmellata amara di arance. Il risultato è stato davvero ottimo, tanto che la brioche è quasi finita e quella che vedete in foto è quella che ho rifatto il giorno successivo!

Le dosi sono per un pan brioche modello opossum; potete ricavarne due trecce se preferite

- Ingredienti -

(per 12 porzioni)

  • 500g di farina w330 per brioche
  • 200ml di latte di riso (se preferite usate latte di mucca)
  • 2 uova intere + 1 per spennellare la brioche
  • 85g di zucchero semolato
  • 5g di sale fino
  • 8g di lievito di birra fresco
  • 70g di burro a temperatura ambiente
  • semi di 1/2 baccello di vaniglia (io ho usato vaniglia naturale in polvere)
  • la scorza grattugiata di 1 arancia non trattata
  • 60g di scorza di arancia candita
  • marmellata di arancia
  • zuccherini

- Procedimento -

preparazione del pan brioche all’arancia

nella ciotola dell’impastatrice versate tutta la farina, lo zucchero, il sale. Azionate l’impastatrice per qualche secondo per far amalgamare le polveri. Aggiungete il lievito di birra a pezzettini. Aggiungete l’80% del latte di riso e 2 uova intere. Azionate l’impastatrice a bassa velocità e lasciate lavorare finché l’impasto sarà compatto e liscio; aumentate quindi la velocità e portatela a media e fate incordare l’impasto. L’impasto è incordato quando si avviluppa attorno al gancio dell’impastatrice e tende a staccarsi dal fondo risultando liscio, semi-lucido ed elastico. A questo punto aggiungete il burro morbido in quattro volte; attendete ogni volta che l’impasto abbia assorbito la quota precedente; fate attenzione a non perdere l’incordatura.

Una volta inserito tutto il burro, cominciate ad aggiungere il restante latte a filo e un po’ alla volta, sempre attendendo che l’impasto l’abbia bevuto e abbia ritrovato l’incordatura. L’impasto deve risultare morbido e setoso, ma non molle, quindi regolatevi e nel caso non aggiungete più latte se vedete che ha già la consistenza giusta.

Fate attenzione alla temperatura dell’impasto mentre lavorate. Cercate di chiudere a 27° massimo e a non scaldarlo troppo.

 

Tritate finemente la scorza di arancia candita; unite all’impasto la vaniglia, la scorza di arancia e anche i canditi. Impastate a velocità minima per un paio di minuti fino a quando i canditi si saranno distribuiti uniformemente nell’impasto.

Prelevate l’impasto dall’impastatrice, dategli una forma rotonda; riponetelo a lievitare in un contenitore capiente precedentemente oliato. Segnate l’altezza a cui arriva l’impasto; questo vi permetterà di essere certi della crescita dello stesso.

Riponete l’impasto a lievitare a 27° circa; attendete che l’impasto sia cresciuto di un terzo per rapporto al volume iniziale, ovvero di un 30%.

 

Formatura del pan brioche all’arancia a forma di treccia

trasferite l’impasto su un piano di lavoro leggermente spolverato di farina. Sgonfiatelo per far uscire i gas di lievitazione; ricavate quindi 3 pezzi di eguale peso.

Schiacciate ciascun pezzo in modo da formare una lingua di 25cm di lunghezza e 10cm di larghezza. Al centro della lingua distribuite della marmellata di arancia per tutta la lunghezza. Prelevate quindi l’impasto dal lato più lontano a voi e tiratelo verso l’alto e poi verso di voi per poi schiacciarlo sul bordo vicino a voi in modo da sigillarlo e formare un cordone ripieno di marmellata.

 

Allungate il cordone fino a farlo diventare di circa 30-35cm e; procedete allo stesso modo con gli altri due pezzi di impasto. Adagiate un foglio di carta forno su una teglia e trasferite lì i tre cordoni; uniteli  da un’estremità e formate una treccia abbastanza tesa.

Mettete la treccia a lievitare nel forno spento dopo averlo scaldato per 30 secondi a 50°. Fate lievitare fino al raddoppio.

impasto incordato

Cottura del pan brioche ripieno all’arancia

in una ciotola rompete un uovo aggiungete un paio di cucchiai di latte di riso e 1/2 cucchiaino di zucchero. Lo zucchero serve a rompere il filo dell’uovo. Sbattete un po’ il composto per renderlo liquido. Con un pennello di silicone spennellate la treccia.

Accendete il forno e portatelo a 180°. Prima di infornare spennellate di nuovo il pan brioche all’arancia. Spolverate ora con un po’ di zucchero e infine con gli zuccherini bianchi.

Infornate per circa 30 minuti. Fate la prova stecchino.

pan brioche all'arancia

 

- Valuta questa ricetta -

4.38 (87.5%) 8 votes

Pan brioche all’arancia – una treccia brioche carica di gusto
4.38

4.38

5 8
00 unknow 00 unknown
21 commenti

21 commenti sul post:
“Pan brioche all’arancia – una treccia brioche carica di gusto”

    1. Martina ha detto:

      Troppo gentile! 🙂

  • Ulica ha detto:

    Bellissima questa treccia! Condivido la passione per i lievitati, appena riesco a impastare è sempre un piacere.
    Ulica 🙂

    1. Martina ha detto:

      Fammi sapere poi come è venuta!

  • Mary Degi ha detto:

    Buona,buona,buona.

    1. Martina ha detto:

      slurp!

  • Maria lucia ha detto:

    Veramente buona, …….e se volessi usare il licoli grazie

    1. Martina ha detto:

      Non sono molto brava a dare indicazioni su come convertire per il lievito naturale però indicativamente io farei un poolish usando una parte della farina e una parte del latte di riso e mettendo 1/10 del peso della farina come licoli, poi una volta che è raddoppiato procederei unendo gli altri ingredienti come da ricetta

  • Tamara Donnini ha detto:

    Bellissima! La voglio fare. Ma se volessi usare la pasta madre?

    1. Martina ha detto:

      beh, dovresti usare magari 60g di pasta madre direi e quindi calcolare che in essa sono contenuti 2/3 in peso di farina e 1/3 in acqua, dunque su 60g ci sono 40g di farina e 20g di acqua. Dovresti togliere quindi il peso della farina dal totale e il peso dell’acqua dal latte di riso. Devi rinfrescare la pasta madre almeno due volte a distanza di 3/4 ore e quando è utilizzarla come lievito seguendo la ricetta.
      Dovrai quindi mettere 500-40 di farina = 360g di farina e 200-20 di latte di riso = 180g.

  • Vincenzo Bellini ha detto:

    Ciao Martina! Grazie di questa ricetta. da poco ho la disponibiloità di un’ impastatrice di mia sorella e credo poprio che la farò. Già ho i canditi d’ arancia fatti col tuo metodo da parte. Una domanda: cosè “modello opossum”? I’m ignorant (u’s dis “zuclòn”)…

    1. Martina ha detto:

      Ahahaha, modello opossum nel senso che era gigante e sembrava un opossum..

      (l’è cumpagn a un’opossum) 😀

      1. Vincenzo Bellini ha detto:

        Ah aha, non c’ero arrivato ! Comunque grazie per la tua risposta che arriva a proposito perchè oggi proverò a fare questo meraviglioso pan brioche. Sperèm ! Intanto auguri di buona Pasqua.

        1. Martina ha detto:

          Fammi sapere come è andata e fai una foto! Auguri di buona Pasqua anche a te e famiglia!

  • Angela Anichini ha detto:

    Spettacolare! Già fatta due volte, una con marmellata di arance amare e una con marmellata di pompelmo rosa! Apprezzata da familiari e amici

    1. Martina ha detto:

      ma davvero??? Due volte!!! Sono contentissima!!! Grazie mille per averla provata. Se hai foto mandamele che ti metto nella sezione delle mie ricette fatte da voi!

  • Lu ha detto:

    Ciao Martina, ho provato a farla e devo dire che il profumo e la morbidezza sono incredibili…..ma per il gusto se mettessi un po’ più di zucchero?
    Buonissima Pasqua

    1. Martina ha detto:

      Sì, puoi aumentare lo zucchero, però lo zucchero interferisce un po’ con il glutine e quindi più zucchero influirà un po’ sull’alveolatura, però si fa. Non superare i 120g però

  • Lu ha detto:

    Scusa poi non ho capito bene come si farciscono le strisce, io le ho chiuse dal lato lungo…..

    1. Martina ha detto:

      Sì esatto, vanno farcite con una striscia di marmellata al centro della striscia che poi va chiusa dal lato lungo

  • Lu ha detto:

    Grazie. Buona Pasqua

Ehi, sei passato di qua? Lasciami un commento :)