Chiudi questo messaggioPer offrirti la migliore esperienza utente possibile questo sito utilizza cookies per memorizzare le tue preferenze e per monitorare il funzionamento del sito.
Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookies Policy.

Castagnole di, con, alla ricotta

Di: 39 commenti 39 Difficoltà: facile
Castagnole di, con, alla ricotta

Che l'Italiano sia una lingua che spesso lascia spazio ad ambiguità si sa; che spesso dia luogo a interpretazioni svariate, pure e dunque il titolo di questo post è stato oggetto di una discussione in termini linguistici con il mio amico Nico. L'assunto iniziale è che queste castagnole hanno la ricotta nell'impasto, non sono farcite con la ricotta, dunque, secondo il mio modo di vedere, si dovrebbero chiamare "castagnole di ricotta", dato che "di ricotta" è la specificazione e indica come sono fatte, quindi "fatte di...".

Nico invece, a cui avevo chiesto un parere, sostiene che "le castagnole DI ricotta" prevedano solo ricotta, ma allora io obietto che sarebbe così se "castagnole" indicasse solo la forma e non la tipologia di dolce, altrimenti perché non usare un altro nome come "palline di ricotta"? Se "castagnole" indica un tipo di dolce, che viene fritto, che ha una forma sferica, contiene zucchero, liquore, farina, uova ecc...il determinativo indica che in più contengono ricotta, non che siano fatte solo di quella...O no?

D'altronde "castagnole con ricotta" dice lui è una specializzazione e indica che insieme agli ingredienti base c'è la ricotta, ma secondo me non chiarisce se la ricotta sta nell'impasto o nel ripieno...Beh, professori e professoresse di italiano, profondi conoscitori della lingua, membri dell'accademia della crusca, venite a me e risolvetemi questo dubbio amletico.

Fino a quel momento le mie saranno "castagnole di, con, alla ricotta"...Ok? E dopo questa disamina, che immagino già vi terrà incollati alla sedia...ahahah...passiamo alle famose castagnole, che poi alla fine conta che siano buone, soffici e gustose a prescindere che siano di, con, alla ricotta...Giusto? La ricetta l'ho scovata nel blog della mia amica Laura, detta Rara o Lallina. Fateci un giro perché fa un sacco di cosine buone e belle!

castagonole alla ricotta

 

Ingredienti:

per all’incirca 40 -50 piccole castagnole

 

220g di farina 00
6 cucchiai di zucchero (circa 90g)
2 uova (a temp. ambiente)
zeste di un limone non trattato
zeste di un’arancia non trattata
125g di ricotta di pecora (magari di bon bon, quella fatta con crema di latte)
1/2 bustina di lievito x dolci (7- 8g)
1/2 bicchierino di liquore (io rum fantasia, ma potete usare anice, limoncello o Strega)
1 pizzico di sale

 

Cos’altro vi serve: 

sac à poche
1 coltello
olio di arachidi per friggere
schiumarola a maglie larghe
zucchero a velo o semolato

 

Preparazione:

in una ciotola mettete la ricotta e schiacciatela per bene fino a ridurla in crema, aggiungete le uova, lo zucchero, il liquore e mescolate con una frusta.

Aggiungete ora la farina, il sale e le zeste di limone e arancia; amalgamate il tutto agli altri ingredienti. In un piccolo pentolino profondo mettete dell’olio di arachidi in quantità tale che le castagnole possano friggere in olio profondo. Portate l’olio a temperatura (180°. Verificate inserendo uno stecchino: l’olio è a temperatura se intorno allo stecchino si formano le bollicine).

Castagnole alla ricotta

Riempite una sac a poche con l’impasto e tagliate la punta in modo che l’apertura abbia una dimensione di circa 2cm di diametro. Posizionatevi con la sac a poche sopra l’olio e premete facendo uscire circa 2cm di impasto per volta e tagliando con un coltello in modo da farlo ricadere nell’olio…Non friggete troppe castagnole alla volta, altrimenti abbasserete troppo la temperatura dell’olio. Mano a mano che le castagnole saranno ben colorite, scolatele e adagiatele su carta assorbente. Lasciatele freddare, poi spolveratele con zucchero a velo e pappatele..Attenzione, sono come le ciliegie, l’una tira l’altra…Danno assuefazione.

Castagnole alla ricotta

- Valuta questa ricetta -


Castagnole di, con, alla ricotta
3

3

5 5
00 unknow 00 unknown
39 commenti

39 commenti sul post:
“Castagnole di, con, alla ricotta”

  • Roberta Morasco ha detto:

    Meravigliose Martina!!!
    Queste castagnole 'di, con alla' ricotta me le sono già copiate!!!
    Ti abbraccio e ringrazio epr le tue belle ricette e foto!
    Baci! Roberta

  • Arianna Frasca ha detto:

    Finalmente ho capito come fanno a venire castagnole tonde tonde! E io che mi ingegnavo con il cucchiaino, come mia mamma, e mia nonna prima di lei.
    Vabbè, a parte questo… ottime le tue castagnole di, a, da, no aspe, com'era? … di, con, alla ricotta!!! 😉

  • lallina87 ha detto:

    Secondo me è corretto dirlo nei vari modi! di ricotta è specificazione e materia, ma anche con-di certo qui non è compagnia-alla ricotta di modo; insomma, come si dice di dice sono squisite e perfette, ma non lo dubitavo!
    Per una volta non sono io a prendere una ricetta da te 😀 Ti metto nella paginetta "ora tocca a voi" 😀
    Buona giornata!
    Laura-Rara-Lallina 😀

  • Anonimo ha detto:

    Belle e buone!!!..in settimana le provo..magari giovedì che e' giovedì grasso!!!…Silvia

  • Federica Simoni ha detto:

    la variante con la ricotta mi manca…che belle e che gola che fanno!
    ps. la birra non si sente nelle frittelle!
    buona giornata!

  • Ma che buone le castagnole…. Con la ricotta poi davvero squisite, bellissima ricetta :* felice giornata :*

  • Cristina ha detto:

    Le castagnole non sono la mia passione ma fai sempre delle foto stupende!!
    Cercavo tra le tue ricette se c'era un bel biscotto al miele, non ci sono vero? beh.. se ti capita di trovare una bella ricetta li fai? 🙂
    (..che poi ti copio;-)

  • Giovanna Bianco ha detto:

    Cercavo giusto una ricetta che mi convincesse, l'ho trovata. Grazie, un abbraccio

  • @Roberta: castagnole di, a, da, in, con, su, per, tra, fra…Ahahah..;)

    @memole: ti fidi sulla parola? 🙂

    @Arianna: sì, è un metodo super efficace per farle tondine tondine che fanno quasi tenerezza..;)

    @Lallina: grazie Laura delle indicazioni linguistiche ma soprattutto della ricetta che merita davvero

    @Silvia: giovedì grasso è oggi!!

    @Federica: provale Fede. Sono soffici e delicate….

    @Donatella: sono davvero squisite

    @Cristina: non nessuna ricetta di biscotti al miele per ora, però se li provo ti faccio sapere

    @Giovanna: questa ricetat è davvero valida..l castagnole sono morbide e non si intoppano in gola…

  • Anonimo ha detto:

    Comunque le chiami sono perfette! Ne mangerei un bel po' nonostante il mio odio per le fritture, magari togliendo l'involucro:)
    Nico

  • Cristina ha detto:

    Ah! se hai consigli sulle patate Hasselback (vedi mio post di oggi) mi dici? 🙂

  • ideedicasa ha detto:

    Ciao! Anche io le faccio con la ricotta, quindi non posso non adorare le tue che sembrano davvero squisite! Complimenti e a presto, Alison

  • Lizzy ha detto:

    ma le tue castagnole sono a dir poco perfette, che siano con o di o alla ricotta!! 🙂

  • Terry ha detto:

    Queste castagnole di Paciughina le ho fatte mille volte: sono stra-buone!! Le devo fare nel pomeriggio pensa te … da voi carnevale finisce sabato e pensavo di chiudere con questa ricetta, mi hai preceduta!
    Secondo me comunque sono "Castagnole di ricotta" proprio perchè la ricotta fa parte dell'impasto e non del ripieno altrimenti sarebbero castagnole con la ricotta …
    Però sai l'italiano è una lingua complicata.

  • Olga ha detto:

    Oggi mi sa che provo a farle!! Devono essere buonissime!!!

  • Ely Mazzini ha detto:

    Ciao Martina, qualunque sia il termine esatto, queste castagnole meritano di essere gustate, sono invitanti e golosissime!!! Bravissima!!!
    Bacioni, buona giornata :))

  • Fairyskull ha detto:

    Bellissime e tondissime!! ;-D Ciao!

  • elenuccia ha detto:

    In effetti mi ha fatto venire il dubbio. Così di primo acchito mi verrebbe da dire che avrei scritto con ricotta come suggerisce il tuo amico però ora non sono più sicura.
    Comunque sono sicura che queste castagnole siano deliziose, si capisce già solo guardando le foto. Voglio provarle, io sono un'amante delle castagnole

  • Dana ha detto:

    Già copiate, fritte e mangiate.
    OTTIME!
    Grazie per la ricetta, ora sarò sempre in imbarazzo su quali fare, la mia preferita e consolidata (quella di Lavini) è a pari merito se non un gradino più giù perchè queste sporcano meno, sono belle rotonde e non si spaccano.

  • Stefania ha detto:

    La tua dissertazione mi fa venire in mente la sostanziale differenza tra gli gnocchi DI patate e gli gnocchi CON patate, e il fatto che non ho mai capito la differenza!
    La ricetta delle tue castagnole è molto simile alla mia e confermo: danno assuefazione, sono buonissime, molto morbide e fragranti! Io ci aggiungo anche l'uvetta, giusto per non farmi mancare nulla!

  • Betulla ha detto:

    Ma sei davvero bravissima! Non hai mai pensato di pubblicare un libro di cucina?..davvero mi piacerebbe mettere sul mio scaffale "La Trattoria" cartacea…Nel frattempo mi accontento del blog (un paio di volte alla settimana mi chiedo: cosa avrà scovato e impastato Martina???e vengo a sbirciare e a leggere…
    Continua così
    Betulla

    1. Sai che mi piacerebbe tanto? Però non saprei dove cominciare, non tanto per scrivere il libro, ma per agganciare un'editore ecc…:)

  • @Nico: sì, le sbucci…;)

    @Cristina: ti ho lasciaot il link di quelel che ho fatto io nel tuo blog…;)

    @Alison: ah, quindi le conosci..:Sono buonissime vero?

    @The queen of chocolate: 😀

    @Lizzy: grazie!

    @terry: ho letto oggi su cook che volevi farle ma poi mi sono dimenticata di dirti che le avevo pubblicate oggi!

    @Olga: le hai poi fatte? Ti sono piaciute?

    @Ely: sono proprio buone, sono stata fortunata a provare subito una ricetta azzeccata convincente!

    @Fairyskull: sono carine vero così tondine

    @elenuccia: mi fa piacere che la foto renda giustizia alle castagnole..Provale!

    @Dana: davvero? Mi fa piacere!!!

    @Stefania: cavolo anche io volevo farle con l'uvetta, poi avevo poco tempo e non ce l'ho messa..Le prossime le faccio con, però

  • Sofia Sofeto ha detto:

    Eccellente! Buon per te!

  • Morena ha detto:

    Che siano con o senza, di o tra non importa, sono bellissime e di sicuro buone..me la segno per l'anno prossimo che per questo ho già dato..ehehe!!
    Baci
    Morena

    1. Pensa che io invece vorrei provare le tue con la crema…;)

  • nicole ha detto:

    Son così belle, ma così belle e sicuramente così buone che persino io che non amo dolci fritti…ci sto pensando!!

  • Paola ha detto:

    Fatte!! Tranne le ultime 5 che sono rimaste un po' crudine dentro sono veramente buonissime e facilissime! Cucino poco abitando da sola ma adoro leggere e leggerti. Grazie! Paola

    1. Sono contenta che siano riuscite bene e di essere riuscita a farti venire voglia di cucinare!!!!

    2. Paola ha detto:

      Trascorrendo il weekend in famiglia ho convinto mamma a sperimentare! Mi piace tanto cucinare, ma poi dovrei trovare sempre chi mi aiuta a mangiare tuttooo!!! 😉 Tra la tante cose, lavoro nella tua città di origine!!

    3. Davvero lavori ad Ancona!! Ma dai! Che lavoro fai! Chissà magari conosci anche i miei amici!

  • belle! tonde tonde! io voto "con" ricotta, perché "di" mi dà l'idea che siano fatte solo di ricotta, anche se poi ci penso e in effetti si dice "torta di mele" e ci metti mele e molto altro.. quindi forse hai ragione pure tu! ah ah comq sono buooone

    1. la stessa cosa che diceva il mio amico! Boh, chissà come si può disambiguare sta cosa..Boh…Si scrive all'accademia della Crusca?

    2. Anonimo ha detto:

      Ciao,oggi ho provato la tua ricetta.Sono buonissime e profumatissime.Le ho provate con il liquore al mandarinetto!!!L'unica cosa, che dopo raffreddare erano un po' gommose!Chissà perché. Ho sbagliato qualcosa!!!Comunque nel piatto ne sono rimaste 2. Sono andate a ruba. Grazie Marty!!!Francy

    3. Ciao Francesca..Sono contenta che ti siano piaciute..Il mandarinetto mi sa che ci sta proprio bene! Quanto al fatto che si siano un po' "ingommosite" una volta fredde non so che dire..Un pochino è la caratteristica del fritto, che deve essere mangiato appena fatto altrimenti poi perde un po'…

  • Ehi, sei passato di qua? Lasciami un commento :)