Chiudi questo messaggioPer offrirti la migliore esperienza utente possibile questo sito utilizza cookies per memorizzare le tue preferenze e per monitorare il funzionamento del sito.
Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookies Policy.

Marmellata di arance ovvero orange marmalade: the original

Di: 45 commenti 45 Difficoltà: facile
marmellata di arance

La ricetta di questa meravigliosa e profumatissima marmellata è di Reginette di cookaround e la trovate qui. Se avete dei dubbi lì trovate le foto passo passo....La ricetta pare sia l'originale ricetta della English Orange Marmalade e abbia più di 150 anni.

E' una ricetta collaudatissima e si vede...E' veramente buona ed è un equilibrio perfetto di dolce e amarognolo: un gusto veramente perfetto a mio parere. Sulle fette biscottate questa marmellata è una favola.

- Ingredienti -

  • 1 arancia bianca non trattata *
  • 1 limone non trattato
  • 1 pompelmo giallo (credo che purtroppo non si trovino non trattati)
  • zucchero
  • acqua
se volete ottenere più marmellata ovviamente raddoppiate o triplicate il numero degli agrumi, quindi 2 arance, 2 limoni, 2 pomplemi oppure 3 arance, 3 limoni ecc...)

- Procedimento -

lavate accuratamente la buccia degli agrumi con una spazzolina. Tagliate le punte e poi tagliate il frutto a metà. Togliete i semi, dopodiché con una mandolina (meglio) o con un coltellino affilato tagliate gli agrumi a fettine sottilissime sopra una terrina in modo da raccogliere anche il succo.

marmellata di arance

Una volta affettati tutti gli agrumi, osservate bene il volume che occupano e trasferiteli in una terrina più grande. Misurate una quantità di acqua pari in volume al volume occupato dagli agrumi nella prima terrina e versate l’acqua nella terrina più grande.

volume agrumi + pari volume acqua = una ciotola più grande contenente agrumi e acqua

Coprite la ciotola con la pellicola in modo che non entri la polvere; lasciate riposare il tutto per circa 24 ore. Il giorno dopo, con una pennarellino di quelli che scrivono sulla plastica segnare il livello degli agrumi con l’acqua sulla ciotola. Versate il contenuto della ciotola in una pentola di rame;  l’ideale è la bassine a confitures, ma si vende generalmente in Francia; in a alternativa usate una casseruola di acciaio con fondo spesso.

Nella terrina che conteneva gli agrumi mettere zucchero fino ad arrivare al livello segnato con il pennarello, ovvero mettere zucchero pari in volume a quello del composto agrumi-acqua.

 

Cottura della marmellata di arance fatta in casa:

Unite gli agrumi e lo zucchero e mettere sul fuoco e cuocere per circa 30 o 40 minuti a fuoco abbastanza vivace schiumando spesso. Mi raccomando è importante che la marmellata non cuocia troppo. Deve rimanere di un bel colore ambrato. All’apparenza rimane molto liquida anche quando è pronta. Per verificare se è pronta o meno, usate un piattino che avrete precedentemente riposto nel freezer; asciugatelo una volta che lo tirate fuori perché farà la condensa;  versateci sopra qualche goccia di marmellata. Attendete qualche secondo e inclinate il piattino: se la marmellata scivolerà lentamente allora è pronta altrimenti deve cuocere ancora un po’.

 

Invasamento e conservazione della marmellata di arance :

Una volta che la marmellata sarà pronta versatela in vasetti precedentemente sterilizzati e ancora caldi (io li bagno e poi li metto per 3 o 4 minuti al microonde, altrimenti potete metterli per mezz’ora nel forno a 100/120°), chiudeteli con i coperchi e metteteli a testa in giù coprendo con un canovaccio (questo assorbirà un po’ di calore riducendo il rischio che i vasetti si rompano, ma è una precauzione in più che non è indispensabile)

N.B. Con soli 3 frutti (1 per tipo) viene già tanta marmellata! Quindi prima di provare con più frutti provate solo con 1 frutto per tipo; poi casomai fate presto a rifare altra marmellata…

 

Con questa ricetta partecipo al contest di Cinzia “Gli Agrumi”

 

 

- Valuta questa ricetta -

Marmellata di arance ovvero orange marmalade: the original
4.3 (85%) 4 vote[s]

Marmellata di arance ovvero orange marmalade: the original
4.25

4.25

5 4
00 unknow 00 unknown
45 commenti

45 commenti sul post:
“Marmellata di arance ovvero orange marmalade: the original”

  • sandramilù ha detto:

    Bè che dire? Sei stata chiarissima,semplice e completa nella descrizione come sempre e questa marmellata senza polverine e conservanti è davvero una meraviglia! Provare provare provare!!!

    ciaooooooo

  • Mirtilla ha detto:

    semplicemente deliziosa!!

  • Si, la ricetta è davvero buona. Magari a qualcuno può non piacere, ma la qualità della ricetta è indiscutibile….;)

  • Erica ha detto:

    Mi incuriosisce molto questa ricetta, a te vanno i complimenti per avercela proposta ^_^ ed essere stata così brava a farla ^_^

  • Federica ha detto:

    mi aspetti per colazione domani???????????:-))))baci!

  • Passiflora ha detto:

    arrivate arance e pompelmi bio, sono pronta a tutto e questa marmellata s'ha da fare! 🙂

  • Alice4161 ha detto:

    Deliziosa questa marmellata..perfetta su una fetta di pane.

    ciao

  • Anonimo ha detto:

    Il periodo è proprio questo ho già ordinato le arance.Non ho mai fatto questa ricetta, voglio provare ma le arance bianche quali sono?Io ho sempre preso arance amare.Complimenti davvero per tutto ciò che fai.Monica

  • @ Passiflora: e vai allora di marmellata!…;)

    @ Monica, per arancie bianch eintendo quelle chiare,bionde, non quelle rosse insomma…

  • Lo Ziopiero ha detto:

    ….stasera ho messo a bagno gli agrumi 😉

    Ti terrò aggiornata :))

  • Zio, aspetti gli aggiornamenti allora!…;) Forse adesso sei già lì che prepari…

  • Lo Ziopiero ha detto:

    Fatta!
    Assaggiata!!
    Svenuto!!!

    Troooooppo buonaaaa
    :))))

    Certo con un pompelmo, un limone e un'arancia son venuti 5 barattoli!!!!

    Ma va via come una foglia al vento…

  • hai visto che hai fatto bene a fidarti!! E' veramente buonissima! L'ho scritto che conviene cominciare con un frutto per tipo perchè ne viene una sbaraccata!!! E comunque qui siamo già a -2 barattoli!!! 😉

  • Cinzia ha detto:

    Wow, aggiungo anche questa!!!
    Se prepari qualche altra meraviglia ricordati del mio contest ^__^
    Mi piace sempre di più qui!
    Un bacio

  • Grazie Cinzia!

  • Cinzia ha detto:

    Ciao, voglio provare a fare questa marmellata, ma dici che se uso la pectina va bene lo stesso?
    ciao
    cinzia

  • Cinzia, perchè usare la pectina? Aggiungeresti qualcosa di chimico a una ricetta che non ne ha bisogno. La buccia degli agrumi è ricca in pectina naturale….E' vero, devi cuocere un po' di più, ma mezz'ora circa non è poi un tempo lungo. Ma perchè volevi usare la pectina?

  • Cinzia ha detto:

    Ciao Martina,
    volevo aggiungere la pectina per due motivi: uno, mi sembrava fosse un composto naturale, un addensante naturale derivato dalle mele, e due, perchè la lunga cottura ammazza le vitamine, e invece con la pectina, in 3 minuti non dovresti ammazzare tutte le povere vitamine…Comunque ho messo a bagno, eh! due arance e un limone (non c'erano pompelmi). Ma…ci va un mare di zucchero, giusto? Dovrò comprarne..che so..uno o due chili o anche 3. Tu quanto ne hai messo?
    E poi pensavo una cosa..volevo farla al microonde, che ne dici?
    ne ho sempre una, vero? .-)
    però so che verrà ottima, ma hai ragione, ne viene proprio tanta, dovrò comprare qualche dozzina di vasetti!! .-)
    Domani ti dico, allora!!.-)

  • Cinzia ha detto:

    Ciao Martina,
    volevo aggiungere la pectina per due motivi: uno, mi sembrava fosse un composto naturale, un addensante naturale derivato dalle mele, e due, perchè la lunga cottura ammazza le vitamine, e invece con la pectina, in 3 minuti non dovresti ammazzare tutte le povere vitamine…Comunque ho messo a bagno, eh! due arance e un limone (non c'erano pompelmi). Ma…ci va un mare di zucchero, giusto? Dovrò comprarne..che so..uno o due chili o anche 3. Tu quanto ne hai messo?
    E poi pensavo una cosa..volevo farla al microonde, che ne dici?
    ne ho sempre una, vero? .-)
    però so che verrà ottima, ma hai ragione, ne viene proprio tanta, dovrò comprare qualche dozzina di vasetti!! .-)
    Domani ti dico, allora!!.-)

  • Dunque, è vero, la pecina è naturale, ma se compri fruttapec è comunque un prodotto induistriale che non so come ottengano…è questo quello che intendevo, però davvero in quesot caso la cottura non è lunga come per le altre marmellate proprio perchè la buccia degli agrumi è ricca in pectina….Per il microonde non so che dirti. Se sei molto pratica e hai già fatto altre marmellate lì prova, però non so darti una mano perchè io lo uso solo per scaldare ma non ci cucino, però se lo scopo era quello di conservare le vitamine poichè il microonde cuoce in minor tempo tieni anche presente che alcuni studi sostengono che il microonde non sia salutare perchè modifica la struttura delel molecole ecc…Lì poi vedi tu…
    Di zucchero ce ne va molto, ma non e mettere meno perchè la roicetta è supercollaudata e comunque lo zuccheor è bilanciato dall'amaro delle bucce…Mi raccomando fai molto attenzione alla cottura…la prova piattino conta fino a un certo punto perchè se anche la marmellata sembra liquidissima poi però solidifica..Se usi il fornello cuoci per circa 30 o 35 minuti a fuoco vivace (non preoccuparti non si attacca e non si brucia e in questo modo cuoce prima e si addenza in minor tempo. E' peggio se tieni il fuoco basso e cuoci a lungo, perchè poi lo zuccheor caramella e la marmellata perde il suo colore trasparente e ambrato)

  • Ah, dimenticavo, per 3 frutti mi pare che avessi dovuto usare 1kg e un po' di una ltro pacco di zucchero. Indicativamente tu prendi 2 pacchi di zucchero…ne userai meno, maalmeno stai tranquilla…;)

  • Anonimo ha detto:

    è il secondo anno che faccio questa stupenda marmellata ed è sempre una grande soddisfazione:grazie per la ricetta!
    Anto

    1. Hai ragione, èbuonissima..Stavo giusto meditanto che + ora che la faccio anche io quest'anno

  • Donatella ha detto:

    ciao ho appena visto questa marmellata dallo zio Piero echiedo anche a te, io adoro il cedro e vorrei provare a fare la marmellata in qesto modo ma mi chiedevo se è il caso di togliere un pò di parte bianca dal momento che nel cedro ce ne è molta? Grazie

  • Unknown ha detto:

    ciao..oggi ho fatto la marmellata e per paura di farka cuocere troppo..l'ho cotta poco …..è liquida..ma si fa lo stesso il sottovuoto???? ho bisogno di una parola di conforto 🙁

    grazie
    Monica

    1. Ciao Monica,sì, il sottovuoto è inidpendente dalla liquidità della marmellata, quindi pe rquello stai tranquilla..Piuttosto però perchè non rimetti la marmellata sul fuoco e la fai addensare un po' e poi rimetti in barattolo?

    2. Unknown ha detto:

      ma anche adesso che ormai è fredda?

    3. Sì, io proverei, se è prorpio liquida

  • Per il terzo anno consecutivo mi appresto a preparare la marmellata di arance con questa marmellata. GRAZIE!

    1. E' spettacolare vero questa ricetta??? Io la trovo perfetta!!

  • Anonimo ha detto:

    Vai Marty.. sono mesi che "spizzo" questa ricetta su Cook, poi ho visto che l'hai fatta anche tu ed eccomi qua.
    Inaspettatamente ho trovato i pompelmi gialli non trattati e volevo provare anche io questa ricetta …
    Se può essere utile, per mia curiosità, mi sono divertita a fare un calcolo del peso, pur avendo seguito il criterio del "volume".
    I miei frutti non erano grandi (840 gr dipeso), e per il "2+2+2" mi ci sono voluti "appena" Kg. 1.760 di zucchero!!!
    … quindi un rapporto frutta zucchero – 1:2
    Gasp!!!.. ma se deve essere così … così sia … almeno per questa volta!!!
    ciaoooooo
    Linda

    1. Martina Toppi ha detto:

      Linda, sì, in effetti di zucchero ce n'è un bel po' però il risultato finale non è stucchevole proprio in virtù della presenza del limone e del pompelmo che sono uno aspro e 'altro amaro e anche per merito delle bucce che stemperano anche loro la dolcezza. Tieni anch epresente che le marmellate di agrumi sono sempre più zuccherate dell altre…Aspetto di sapere il risultato! Spero ti piaccia

  • Anonimo ha detto:

    favola!!.. finita adesso.. domani spero di mostrartela.. ora devo scappare che domattina alle 6 svegliaaaaaa
    besos
    L.

  • Anonimo ha detto:

    http://cookaround.com/yabbse1/foto/data/37945/medium/IMG_9624_-_ex.JPG

    .. ho tardato un po', ma spero si capisca quanto mi sia piaciuto il risultato 🙂
    L.

    1. Martina Toppi ha detto:

      Guarda secondo me è strepitosa sta marmellata!!! Infatti bisogna che la faccia

  • roberta ha detto:

    complimenti per le buonissime ricette,chiedevo se posso mettere 2 arance e 1 limone,invece del pompelmo,cambia il tipo di marmellata?Grazie.

    1. Martina ha detto:

      il pompelmo forse dà quel po’ di amaro in più, però viene benissimo anche con arance e limoni e basta

  • Rosaria ha detto:

    Fatta!!! Solo che al posto del pompelmo, che non avevo in campagna, ho sostituito con altra arancia. Comunque con quel gusto piacevolmente amaragnolo è risultata strepitosa, buonissima e di un colore ambrato da ottenere un successone in famiglia. Grazie Martina le tue ricette sono veramente affidabili e di ottima riuscita!!! Ah dimenticavo ho comprato i korken voglio sperimentare la vasocottura…. Speriamo bene… Baci

    1. Martina ha detto:

      Benissimo!!! Questa marmellata è davvero eccezionale e sono contenta che abbia riscosso successo in casa! In bocca al lupo per la vasocottura! Vedrai che diventerà una droga!

  • Paolo Piva ha detto:

    Ciao Martina e complimenti per lo splendido blog: mi sono ispirato spesso alle tue ricette con ottimi risultati. Volevo solo chiederti conferma, per eccesso di prudenza, che nella ricetta della marmellata di arance lo zucchero si aggiunge al momento in cui si inizia la cottura. Non mi pare sia specificato anche se sembrerebbe abbastanza ovvio

    Grazie in anticipo

    1. Martina ha detto:

      Ciao Paolo, ti ringrazio per i complimenti al blog. Mi fa piacere che le ricette che hai provato siano riuscite bene! Sì, assolutamente zucchero e agrumi vanno uniti prima della cottura. Ora l’ho indicato in modo che sia più chiaro e nessun altro abbia il dubbio. Buona marmellata!

  • Paolo ha detto:

    Ciao Martina, grazie per avere risposto in tempo reale al mio quesito. Ero impegnato (anche con la marmellata) e non l’ho potuto ringraziarti prima. Ora, per sdebitarmi, ricambio con un feedback (positivo).

    Risultato dal mio punto di vista eccellente, anche se non posso certo dire di aver seguito fedelmente le istruzioni. Sicuramente da rifare, magari il prossimo fine settimana.
    Assaggiata su pane in cassetta integrale ben abbrustolito stamattina a colazione: un risveglio di quelli che propiziano la giornata. La gelificazione, per me sempre fonte di stupore è semplicemente meravigliosa. Scrivendo mi viene l’acquolina in bocca – e non è un modo di dire. Già immagino come sarà sopra una crostata.
    Mi ha chiamato dopo cena mio figlio, che aveva sin da ieri razziato un vasetto (ancora tiepido), per dirmi che l’aveva trovata molto – molto buona ma era perplesso dal fondo un po’ amaro. Non sapeva del pompelmo (ne’ tantomeno del fatto che avevo tagliato drasticamente lo zucchero dalla tua ricetta).

    Ho ancora in casa le stesse arance e gli stessi limoni e sto seriamente considerando di rifarne un’altra pentolata. Devo solo decidere se comperare altri pompelmi o limitarmi a fare le arance ed i limoni.

    Un ringraziamento per un’altra ottima ricetta!
    Paolo

    PS: Se credi sia di interesse ai posso certamente condividere le mie note con le quantità degli ingredienti e le ragioni per i cambiamenti apportati

    1. Martina ha detto:

      Ciao Paolo, grazie mille del feecback! Dimmi pure i cambiamenti che hai apportato. E’ sempre utile scambiarsi le idee…L’amaro che tuo figlio sente forse è più opera delle bucce che del pompelmo. Forse avendo diminuito lo zucchero, l’amaro spicca un po’ di più.
      Sono contenta che la ricetta ti sia piaciuta. Per me questa marmellata è buonissima e mi piace che rimanga di un colore meraviglioso e non scurisca. Le marmellate scurite dalla caramellizzazione dello zucchero dovuta a lunghe cotture non si possono vedere!

  • Paolo ha detto:

    Ciao Martina, e grazie per i chiarimenti e la disponibilità. Ti mando allora il mio “report di missione compiuta” su questa ottima ricetta. E non me ne avere troppo per essere prolisso.

    Due arance Navelin (spagnole), due limoni italiani non trattati (profumatissimi) due pompelmi rosa (dalla Florida). Decapitati tutti e pesati: in totale 1,700 grammi. Tagliati a fettine come da ricetta e tolti i semi. Aggiunto circa 2 litri di acqua (equivalenti a 1700*1.17. – 1.17 è quanto ho approx stimato essere il volume degli agrumi dopo averli messi in acqua ed osservato quanto uscivano dall’acqua – tra il 15 ed il 20%). 24 ore in acqua come da ricetta. Iniziato a cuocere in pentola larga a fondo spesso dopo avere aggiunto a più riprese poco piu’ di 1400 g di zucchero. Quindi ben di meno di quanto avrebbe dovuto essere se avessi seguito le indicazioni della ricetta. Secondo i miei calcoli infatti, ammettendo anche di non aver fatto errori marchiani di calcolo, se avessi seguito la ricetta avrei dovuto infatti aggiungere circa 3180 gr di zucchero. Visto che in ogni caso volevo arrivare tra il 60 ed 65% di zucchero in totale nella marmellata finita fermandomi quindi quando la temperatura di ebollizione fosse arrivata sopra a 103° mi sono limitato a dei parsimoniosi 1400 gr di zucchero (già sono più dell’80% del peso della frutta prima dell’evaporazione). Appena arrivato a 103.3° di temperatura, dopo poco meno di 50 minuti di cottura, ho infatti spento ed invasato. Il volume ed il peso si sono ridotti molto con l’evaporazione. In totale ho invasato circa 2500 grammi il che significa una perdita di liquidi considerevole in cottura. Questo lo spiego con l’aver messo relativamente poco zucchero.
    Ho poi messo tutti i vasi già chiusi in pentola a pressione nel cestello a vapore per circa 25 minuti al fine garantire la sterilita anche a riguardo delle spore del botulino (ho dovuto ovviamente fare due giri per sterilizzare tutto).
    Il jelly è trasparentissimo e di un bel colore non marcato e vedo perfettamente le bucce (non belle come quelle delle tue foto che mi fanno molta invidia) ma lo stesso una vera gioia per gli occhi.

    Un paio di riflessioni per la prossima volta che la rifarò. La consistenza è secondo me perfetta e cosi pure lo la quantita’ di zucchero oltreche il sapore. Credo però che avendo usato molto meno zucchero ed avendo mantenuto il tenore zuccherino appena sopra il 60% ho dovuto perdere parecchia acqua – circa due litri – il che spiega perche’ ho dovuto cuocere più a lungo della ricetta (ma lo zucchero non si e’ caramellizzato). La mia ipotesi e’ che se avessi messo più zucchero ed avessi fermato la cottura una volta raggiunti i 103° (in un tempo ben minore) la marmellata sarebbe stata ben più ricca di jelly, e le bucce sarebbero state più disperse. Il gusto forte e non disperso degli agrumi, si sarebbe pero’ probabilmente affievolito almeno un poco. Una cosa che ho goffamente scordato di fare e stato di mescolare bene la marmellata prima di invasare. Noto troppo tardi, solo oggi infatti, che alcuni vasetti sono pieni di bucce e scarsi di “jam” mentre in altri le bucce sono molto di meno e piu disperse.

    Esperimento molto ben riuscito comunque e che mi ha dato molta soddisfazione. Per niente laborioso inoltre il che mantiene alta la motivazione a ripetere. Molte grazie ancora per la ricetta.

    Hai provato a farci una crostata?

    Paolo

    1. Martina ha detto:

      Ciao Paolo, grazie mille per la dettagliata relazione, così quando riproverò la ricetta magari potrei sperimentare. Se la marmellata è venuta bene con meno zucchero ben venga!
      Non ricordo se ci ho mai fatto una crostata. Faccio talmente tante ricette sempre nuove che poi non mi ricordo!
      Spero di rileggerti da queste parti!

Lasciami un commento :)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: