Chiudi questo messaggioPer offrirti la migliore esperienza utente possibile questo sito utilizza cookies per memorizzare le tue preferenze e per monitorare il funzionamento del sito.
Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookies Policy.

Pizza alla pala veloce

Di: 2 commenti 2 Difficoltà: media
pizza alla pala veloce

La ricetta è quella della pizza da fare in fretta di Paoletta che ho però adattato facendola alla pala. Il risultato, nonostante sia una pizza a breve lievitazione è davvero sorprendente. Io l'ho provata più volte e ho ridotto la quantità di lievito perchè cresceva troppo velocemente, ma voi fate le vostre prove.

Io ho preferito farla bianca condita solo con un giro di olio e del fleur de sel perchè così si presta benissimo ad essere mangiata con dell'affettato. L'ho provata anche margherita e con le cipolle. La mia preferita rimane la bianca, ma sono tutte buonissime.

Per le pizze ho utilizzato una piastra speciale brevettata, in alluminio rivestito di uno strato antiaderente che sulla parte sottostante ha delle alette che convogliano e accumulano il calore riproducendo l'effetto platea dei forni professionali.
Uno delle principali pecche dei forni casalinghi infatti è che manca una spinta potente dal basso che invece è necessaria per ottenere una buona crescita e una buona alveolatura dei lievitati come pane e pizza. Per info sulla Vulcan guardate in fondo al post.

- Ingredienti -

(per 2 porzioni)

  • 300g di farina w300-330 (io ho usato la verde del Molino Pasini)
  • 50g di semola rimacinata di grano duro
  • 50g di farina di Enkir oppure di Tritordeum Uniqua (Molino Dalla Giovanna) oppure farro [in alternativa potete usare la semola]
  • 320g di acqua
  • 6g di lievito di birra
  • 1 cucchiaio di fiocchi di patate (facoltativi; io non li ho messi)
  • 3g di malto diastatico oppure un cucchiaino di miele
  • 20g di olio extravergine di oliva
  • 8g di sale

- Procedimento -

per preparare la pizza alla pala veloce ho seguito un metodo di impastamento diverso da quello suggerito nella ricetta da Paoletta, perchè mi trovo meglio così e perchè ho l’impastatrice a spirale con cui non sarebbe indicato quel metodo. Comunque potete seguire il mio metodo anche con una planetaria. E’ più semplice a mio avviso.

 

Versate tutte le farine nella ciotola dell’impastatrice. Aggiungete il malto o il miele e, se li mettete, i i fiocchi di patate.

Sciogliete il lievito di birra fresco con una piccola parte dell’acqua della ricetta e versatelo sulla farina, quindi versate ancora circa 190g di acqua. Tenete da parte la restante. Azionate l’impastatrice e bassa velocità e fatela lavorare fino a quando l’impasto risulterà tenace e omogeneo.

A questo punto aggiungete il sale e portate a incordatura. L’impasto si dovrà avviluppare attorno al gancio e dovrà risultare elastico e omogeneo. A questo punto potete iniziare a inserire, poco alla volta, la restante acqua aggiungendo la dose successiva solo quando l’impasto avrà assorbito la precedente. Mantenete sempre l’incordatura.

Per ultimo, aggiungete l’olio a filo e impastate fino a quando sarà stato tutto assorbito.

Rovesciate l’impasto su un piano di lavoro, fate un giro di pieghe di rinforzo, arrotondatelo e mettetelo a lievitare in un contenitore con le pareti dritte, precedentemente oliato.

Segnate il punto a cui arriva l’impasto in partenza in modo da verificare l’effettiva crescita con precisione.

Fate lievitare a 22-23° ( o a temperatura ambiente) fino al raddoppio.

Una volta che l’impasto sarà raddoppiato, spolverate il piano di lavoro con abbondante semola. Rovesciate il contenitore con l’impasto e attendete che questo scenda da solo, quindi dividetelo a metà con l’aiuto di un tarocco e su ciascun pezzo fate delle pieghe a 3 di rinforzo; capovolgetelo in modo che l’apertura rimanga sotto e arrotondatelo.

Coprite i panetti con una panno e poi con una busta di plastica in modo da non farli seccare in superficie.

Fate lievitare ancora 40 minuti- 1 ora.

Quando mancano 15-20 minuti al termine della lievitazione accendete il forno alla massima temperatura.

 

Cottura della pizza alla pala veloce

Io ho utilizzato per la cottura una piastra Vulcan (vedi sotto per foto e info) che regala una cottura perfetta in tempi molto ridotti. Questa va fatta scaldare nel forno acceso fino a quando questo raggiunge la temperature e anche per 5 minuti oltre se avete tempo.

In alternativa alla piastra Vulcan potete usare una teglia in ferro rovesciata.

Abbassate il forno a 250°.

Stendete la pizza alla pala veloce come mostrato in questo video e trasferitela sulla pala. Farcitela come preferite.

Fate scivolare la pizza sulla teglia rovesciata o sulla Vulcan, se ce l’avete. Cuocete per circa 10-12 minuti o fino a  completa cottura.

Per avere una pizza pronta per le 20,00 cominciate a impastare alle 15,30 circa.

pizza alla pala veloce

 

Vi presento la mia Vulcan:

la piastra mi è stata inviata dalla ditta che le produce per provarla. Me ne sono innamorata follemente. Ha dato una svolta eccezionale alle mie pizze.

Se siete interessati ad avere informazioni o all’acquisto, scrivetemi al mio indirizzo mail trattoriadamartina@gmail.com e vi spiego tutto.

piastra vulcan

 

- Valuta questa ricetta -

Pizza alla pala veloce
4.4

4.4

5 10
00 unknow 00 unknown
2 commenti

2 commenti sul post:
“Pizza alla pala veloce”

Lasciami un commento :)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: