Chiudi questo messaggioPer offrirti la migliore esperienza utente possibile questo sito utilizza cookies per memorizzare le tue preferenze e per monitorare il funzionamento del sito.
Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookies Policy.

Involtini di carpaccio con mortadella, parmigiano e pomodorini

Di: 11 commenti 11 Difficoltà: facile
involtini di carpaccio

Mia madre ha avuto questa ricetta da una sua amica siciliana, la quale li ha chiamati involtini siciliani; io però ho fatto una ricerca su internet e di involtini di carpaccio se ne trovano, ma non con la mortadella e pensandoci, in effetti, la mortadella non può essere in un piatto tipico siciliano; poco importa comunque quale sia l'origine di questi involtini. Quello che conta è che sono un secondo piatto gustosissimo e veloce da preparare. Il carpaccio si cuoce molto velocemente; basta dargli una scottata giusto per chiudere i pori della carne e far partire la reazione di Maillard, che caramella gli zuccheri della carne esaltandone i sapori; la carne rimane tenerissima e il ripieno è fresco e gustoso allo stesso tempo.

- Ingredienti -

(per 2 porzioni)

  • 120g di mortadella in un'unica fetta
  • 6 pomodorini datterini
  • 2-1/2 cucchiai di pangrattato
  • 1 puigno di prezzemolo
  • 3 cucchiai di parmigiano reggiano grattugiato
  • 10 fettine di carpaccio di manzo da dividere in 2, quindi abbastanza grandine
  • 8 stecchini da spiedino
  • olio extravergine di oliva
  • sale
per 4 spiedini di involtini

- Procedimento -

Prima di cominciare a preparare gli involtini di carpaccio di manzo, riempite una terrina capiente con dell’acqua e mettete gli spiedini di legno a bagno, in modo che assorbano acqua; in questo modo non rischieranno di bruciarsi quando metterete gli spiedini a cuocere.

Per preparare gli involtini di carpaccio, acquistate della mortadella di qualità; il consiglio è di farvi tagliare un’unica fetta da circa 100g-120g che poi triterete al coltello in dadini piccolissimi di circa 1mm di 1-2mm di lato.

Una volta tritata la mortadella versatela in una terrina; tagliate i pomodorini a cubettini piccoli; più piccoli riuscite a tagliarli e meglio è. Sarà sufficiente ricavare dei dadini di circa 3mm di lato. Una volta tritati i pomodorini prendetene un pugno in mano e strizzateli un pochino, quindi uniteli alla mortadella; aggiungete quindi il pangrattato e il parmigiano reggiano. Lavate ed asciugate un pugnetto di prezzemolo. Tritatelo finemente e aggiungetelo alla terrina con gli altri ingredienti. Spolverate con un pizzichino di sale; ne serve poco perchè c’è già il parmigiano e la mortadella che sono sapidi.

Mescolate con le mani per far amalgamare gli ingredienti e lasciate riposare per qualche minuto.

Prendete le fette di carpaccio e dividetele mano a mano a metà nel senso della larghezza in modo da avere all’incirca due fettine approssimativamente di 7 x 12 cm; naturalmente la dimensione è solo per dare un’idea, perchè dipende dalle dimensioni della fettina iniziale.

Prendete un po’ di ripieno e schiacciatelo tra le mani in modo da compattarlo un po’. Posizionatelo sul lato corto della fettina  più vicino a voi e arrotolate in modo da formare un piccolo involtini; fate attenzione a non fare uscire il ripieno, magari ripiegando leggermente i lati verso l’interno, se possibile.

Procedete allo stesso modo fino ad ottenere 20 involtini.

involtini di carpaccio

Formatura e cottura degli involtini di carpaccio

Prelevate gli stecchini dall’acqua;

affiancate 5 involtini e infilate due stecchini in modo ai due lati degli involtini in modo da tenerli insieme; fate attenzione a non compattare troppo gli involtini,  altrimenti nei punti di contatto rimarranno crudi. Otterrete in questo modo 4 spiedini da 5 involtini l’uno.

Scaldate molto bene una padella in ghisa o una piastra, possibilmente sempre in ghisa. Spennellate gli spiedini con dell’olio extravergine di oliva. Quando la piastra sarà ben calda, abbassate un po’ la fiamma e adagiate gli involtini; cuoceteli all’incirca 1 o 2 minuti per lato.

Il carpaccio si cuoce molto rapidamente. non appena girate gli spiedini e avrete il lato cotto verso l’alto, salateli.

Servite gli spiedini di involtini di carpaccio con un giro di olio extravergine. Volendo, aggiungete un pochino di aceto balsamico di Modena, ma sono buonissimi anche senza.

 

Prova anche:

Tagliata di manzo alla rucola veloce e gustosissima

- Valuta questa ricetta -

Involtini di carpaccio con mortadella, parmigiano e pomodorini
4.3 (85.45%) 11 votes

Involtini di carpaccio con mortadella, parmigiano e pomodorini
4.27

4.27

5 11
00 unknow 00 unknown
11 commenti

11 commenti sul post:
“Involtini di carpaccio con mortadella, parmigiano e pomodorini”

  • patrizia ha detto:

    Penso che proverò questi involtini saranno buonissimi

    1. Martina ha detto:

      Sono molto gustosi. Spero ti piaceranno

  • Susanna ha detto:

    Sfiziosi! Domani li provo. Grazie per la gustosa ricetta

    1. Martina ha detto:

      Fammi sapere se ti sono piaciuti!

  • Vincent ha detto:

    Ciao Martina. Volevo solo farti un saluto, non un commento. Aspetto un tuo ritorno. Nel frattempo, divertiti (o riposati, a seconda dei casi). Ciao da Rimini

    1. Martina ha detto:

      Ciao Vincent, apprezzo tanto questo tuo saluto. Sto bene, ma è un periodo che sono un po’ demotivata per il blog e non sto postando. Tornerò presto comunque. Un abbraccio

  • Elena ha detto:

    Martina mi manca leggerti, mi mancano le tue ricette sempre così di ispirazione. Mi piace tanto il tuo blog, sia per la qualità delle ricette così egregiamente spiegate, ma soprattutto per la “normalità” che traspare da quel che scrivi. Dai, torna!!!!!

    1. Martina ha detto:

      Ciao Elena, ti ringrazio tantissimo per quello che scrivi. Tornerò, non ti preoccupare. Non ho intenzione di abbandonare il blog; è che una volta era un gran piacere scrivere un post nuovo, perchè lo facevo in maniera naturale, i social non c’erano e tanti si fermavano a lasciare un riscontro. C’era interazione. Ora tutto è più complicato, i social hanno imposto uno stile di vita mordi e fuggi, la gente non si ferma più a leggere e non è neanche più abituata a farlo; preferisce mettere un mi piace sfuggente su facebook. Inoltre ora i post vanno scritti in un certo modo perchè vengano indicizzati da google e tutto l’insieme fa sì che per scrivere un post ci vogliano come minimo 4 ore: è diventato un lavoro scrivere un post, un lavoro non retribuito. Io ho una grande passione e quindi il più delle volte me ne frego e vado avanti per il piacere di farlo, ma poi ci sono dei momenti in cui, sono sincera, faccio più fatica a trovare la motivazione; in questo caso è stata complice anche l’estate perchè si ha più voglia di uscire e meno di cucinare, ma prometto che tornerò presto, se non altro per quelli come te che si sono presi la briga di scrivermi per chiedere come sto e per dire che gli mancano i miei post! E’ per voi che questo blog ha un senso…Un abbraccione

  • Maria ha detto:

    Eh , allora anche per me, io sbircio spesso!! Ti aspetto!!!

  • Francesca Aslan ha detto:

    Martina, non ci conosciamo ma apprezzo tantissimo il tuo blog …. ricette, foto, racconti …………… please, don’t give up! 🙂

    1. Martina ha detto:

      Ciao Francesca, grazie mille per l’incoraggiamento! Non ti preoccupare non mollo! Ho pubblicato un post proprio oggi…mi dispiace che sia passato tanto tempo senza che pubblicassi; a volte ho bisogno di allontanarmi un po’ da questi schermi e riprendere un po’ di ossigeno e ritrovare l’entusiasmo! 🙂

Lasciami un commento :)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: