Chiudi questo messaggioPer offrirti la migliore esperienza utente possibile questo sito utilizza cookies per memorizzare le tue preferenze e per monitorare il funzionamento del sito.
Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookies Policy.

La piadina riccionese

Di: 10 commenti 10 Difficoltà: facile
La piadina riccionese

Sì, la piadina riccionese, perchè qui in Emilia Romagna basta spostarsi da una provincia all'altra e cambia anche il modo di fare la piadina... A Castel S. Pietro ad esempio le fanno piccole e molto alte ed assomigliano a delle grosse tigellone....A Riccione invece la piadina è sottilissima, come piace a me...

- Ingredienti -

(per 8 porzioni)

  • 500g farina 0
  • 250g acqua
  • 100g di strutto (io 50g)
  • 12g di sale
  • 1/2 cucchiaino da the di bicarbonato
per 8 piadine

- Procedimento -

Mescolate tutti gli ingredienti e impastate per dieci minuti fino a ottenere un impasto liscio e omogeneo.

Formate una palla, ricoprite con della pellicola e lasciate riposare l’impasto per 30 minuti.

Prendete un pezzetto di impasto e stendetelo molto molto sottile. Nel frattempo riscaldate il testo (in ghisa o meglio ancora in terracotta) e cuocete la piadina per pochi minuti da entrambi i lati.

Farcite secondo i vostri gusti….

 

- Valuta questa ricetta -


La piadina riccionese
3

3

5 5
00 unknow 00 unknown
10 commenti

10 commenti sul post:
“La piadina riccionese”

  • Paolabilia ha detto:

    grande Marty!!! Mia mamma la fa con l'olio e viene mooolto buona uguale…
    Lo dai non ho mai pensato a pesare le quantità a dire il vero, ho sempre fatto tutto a occhio… come dire… 😉

  • smartyns ha detto:

    Lo so che si fa anche con l'olio, però non è la ricetta doc….Di solito anche io preferisco nelle ricette sostituire se possibile lo strutto con l'olio…in questo caso però mi sembra che rimaqngano più stoppacciose…;)

  • Bravissima! Sono venute benissimo! Grazie per averle provate!

  • anthony ha detto:

    Martina piacere è stato tutto mio. Gustosissima ricetta e molto facile. Soltanto mi mancava il testo 🙂 Se passero per E-R compro anche tigelliera. Grazie!

  • Elena ha detto:

    E per chi purtroppo non ha la tigelliera (né lo spazio per averla perché abita in 15m2, ma a Parigi, il che ha i suoi vantaggi)?
    Sul serio, devo mettere un po' di burro/olio/strutto nella padella, prima di cuocere le piadine, o assolutamente no? O magari non cambia un accidente?
    Una volta ci avevo provato, ed è stata una delusione doppia: per me, perchè son venute malino, ma anche perchè non sono per nulla riuscita a far capire al mio ragazzo francese che in versione originale sono buonissime!
    Ciao!

    1. Elena, se non hai il testo usa una grande padella antiaderente. Falla scaldare bene e poi mettici la piadina girandola poi spesso in modo che non si bruci troppo…Eh sì, vivere a Parigi ha i suoi vantaggi! Spero ceh questa volta riuscirai a far apprezzare la piada al tuo boyfriend..;)

  • Martina, il tuo post è magnifico. La ricetta è spettacolare e vederla realizzata in foto è molto invitante!

  • le ho provate, un po' di corsa e senza testo, l'unica padella di ghisa cge ho è la bistecchiera con le righette hihi, ma erano buonissime lo stesso!

  • Ehi, sei passato di qua? Lasciami un commento :)