Chiudi questo messaggioPer offrirti la migliore esperienza utente possibile questo sito utilizza cookies per memorizzare le tue preferenze e per monitorare il funzionamento del sito.
Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookies Policy.

Ciambellone della trebbiatura

Di: 33 commenti 33 Difficoltà: facile
Ciambellone della trebbiatura

Buon lunedì folks! :) Qui a Bologna è arrivato il caldo africano tanto annunciato...Seee, altro che caldo africano...Mi ricordo ancora qualche anno fa...Ero in autobus in centro e faceva un caldo infernale...Vicino a me c'era un ragazzo di colore, africano; io mi sventolavo animatamente con un ventaglio improvvisato sbuffando per la calura e ad un certo punto mi sono rivolta a lui dicendo: "Un caldo africano eh!" E lui, con gli occhi sgranati: "Nooo, caldo africano molto meglio, meno umido, caldo secco". E aveva ragione ovviamente.

Il brutto di Bologna è che c'è sempre un'umidità impestata ed è questo che aumenta la percezione di caldo e lo rende insopportabile..Fatto sta che in questi giorni si sono raggiunti i 35° effettivi, che percepiti saranno....Boh, la butto lì,....38? E vabè, questo ci tocca. Io sto sempre a monitorare le caviglie per paura che diventino due cotechini...;) Negli ultimi anni mi si gonfiano e mi sa che è già ora che incominci una cura di quelle rinforzarvene per aumentare la permeabilità capillare..Anche se mi pare che quest''anno (che sia stata l'operazione alla cistifellea che mi ha fatto bene? Boh).

Nel frattempo, in quattro e quattr'otto sabato ho fatto questo ciambellone; la ricetta me l'ha data la mia amica Francesca ed è molto buona. Un ciambellone semplice, soffice e aromatico ideale per cominciare la giornata.. Ecco a voi...rullo di tamburi....mumble mumble...Mr. Ciambellone della trebbiatura! In tutta la sua regalità...;)

- Ingredienti -

(per 12 porzioni)

  • 500g di farina 00
  • 3 uova
  • 150g di zucchero (la prossima volta ne metterò 180 perché mi è sembrato poco dolce)
  • 1 bicchiere di latte
  • 1 bicchiere di Mistrà
  • 1 bicchiere di olio di arachidi
  • 1 bustina di lievito chimico per dolci
  • scorza grattugiata di limone
  • 1 pizzico di sale
  • 100g di mandorle circa
  • 1-2 cucchiai di zucchero di canna
PER UNO STAMPO CON IL BUCO DA CIRCA 23CM DI DIAMETRO

- Procedimento -

scaldate il forno a 180°. Sbattete le uova con lo zucchero e il pizzico di sale fino ad ottenere un composto bianco e spumoso. A questo punto aggiungete l’olio, il latte e il mistrà mescolando dal basso verso l’alto. Setacciate la farina con il lievito e unirlo poco alla volta al composto con le uova. Imburrate uno stampo da ciambella, spolveratelo con della farina togliendone l’eccesso e versateci l’impasto. Cospargete la superficie con le mandorle tagliate grossolanamente al coltello e poi con lo zucchero di canna. Infornate per 50 minuti circa. Fate la prova stecchino per verificarne la cottura. Lasciate raffreddare il ciambellone della trebbiatura, tagliatene una fetta e pucciatela nel caffè latte…;)

Ciambellone della trebbiatura

 

Prova anche: 

la ciambella di zia Elvirina

- Valuta questa ricetta -


Ciambellone della trebbiatura
3

3

5 5
00 unknow 00 unknown
33 commenti

33 commenti sul post:
“Ciambellone della trebbiatura”

  • margherita ha detto:

    el ciambellò del batte! consumato all'alba in mezzo alle stoppie e inzuppato nel caffè d'orzo corretto al varnelli, o come merenda nel tardo pomeriggio, ma con vino di cantina (corretto con la gazzosa)! così si mangia dai miei suoceri. 🙂 brava marty.

  • Stefania Orlando ha detto:

    E' vero!!!
    Anche da me qui in Arabia c'è un caldo terribile, 47 gradi ieri, ma sono estremamente secchi e non sudo come a Roma con 35 🙁

    Questo ciambellone è un vero trionfo.

  • Chiara ha detto:

    sono giorni che ho voglia di ciambellone!!!!
    questa versione con le mandorle mi piace tantissimo!!
    per il caldo sembrerebbe arrivato anche qui…così dicono gli altri io sono così freddolosa che in questi giorni inizio a star bene..ma l'umidità quella non la sopporto proprio!
    buona giornata!!!

  • che torta golosa hai realizzato! complimenti davvero, un bacio 🙂

  • rosa ha detto:

    le uova, mancano le uova!!! mi sembra troppo perfetto per essere senza uova 🙂

    (per tutto il resto moltissimi complimenti!)

  • @Margy: grande Margy! I retroscena tradizionali non li conoscevo! Grazie di avermeli fatti conoscere…:) Mi piace un sacco sapere queste cosine

    @Stefania: e infatti! Qui è un'inferno mentre c'è anche una mia amica che vive in Egitto e lei dice che i 45° di là sono un lusso a confronto dei 30 di qua!

    @Chiara: ahaha..:Anche io sono freddolosa…La caqnottiera l'ho tolta per la prima volta due giorni fa..:) però negli ultimi anni soffro anche tremendamente il caldo!

    @Claudia: grazie Claudia…

    @Rosa: grazie di avermi avvertito!!! Ho corretto subito!!!

  • Francesca ha detto:

    Grandissima risposta, quella del ragazzo :-))) Comuqnue consolati, Marty: anche qui ad Asti si crepa di caldo…Quanto al ciambellone: belloooooooooooooooo

  • Valentina ha detto:

    aspetta che passi questo caldo e mi ci fiondo a farla!

  • coccinellarossa ha detto:

    Questo è esattamente il tipo di dolci a cui non so mai dire di no, torte dal gusto semplice, senza panne e creme varie. Ed è pure bellissima, merito del tuo solito tocco fatato, lo so!!! Anche qui a Vicenza ci si squaglia (stamattina alle 11 c'erano 33 gradi, in questo momento credo almeno 35 e solita umidità spezza-gambe). A proposito di gambe, pure io ho fatto l'anno scorso la cura e in questi giorni credo la inizierò nuovamente!!! Baci

  • Simo ha detto:

    un ciambellone davvero meraviglioso, adoro questi dolci un pò rustici ma tanto buoni e adatti all'inzuppo per la colazione!

  • carmencook ha detto:

    Anche qui fa un caldo bestiale!! Mi piacerebbe molto rifare subito la tua ciambella ma ci manca solo il caldo del forno e poi mi sciolgo!!
    Un abbraccio Carmen

  • @Francesca: pensavo che da te fosse un po' più fresco e invece….

    @Valentina: hai ragione in efeftti il forno non è il massimo in questo periodo…:)

    @coccinellarossa: anche qui siamo messi così….Una brolla 8una gran quantità) di gradi e l'umidità a palla! Cosa usi tu per le gambe? Io vado di tegens…;)

    @Simo: anche a me piacciono un sacco i dolci rustici e genuini….Quelli semplici che sanno di tradizione…

    @Carmen: concordo, sono stata un po' folle ad accendere il forno…C'è da dire però che il giorno in cui l'ho fatto mi sa che non faceva così caldo!

  • Betty ha detto:

    ma quanto è alto questo ciambellone, che bello e che buono soprattutto 😛 brava!
    buona settimana.

  • qui a Roma si schiatta!!! Con le tue parole non mi incoraggi, verrò a Bologna tra qualche giorno… spero di non squagliarmi!
    Faccio toccata e fuga…tempo permettendo… che dici ti va se ci organizziamo per un caffè?
    Baci, Chiara

  • t.giannotta ha detto:

    Buono il ciambellone, brava Marty!!
    Io sto pensando ri rifare la tua sfoglia lle pesche, ti ricordi? Mamma che buonaaaa!! ♥

  • Marina ha detto:

    Una corona regala davvero questo ciambellone, mi piace anche questa cosa della tradizione… e poi il mistrà nell'impasto è un tuffo in terra marchigiana! a presto

    1. Marina ha detto:

      volevo dire regale!

  • Lizzy ha detto:

    Adoro il ciambellone! mi fa venire in mente quello della nonna, semplice sofficissimo e profumato. Una goduria inzupparlo nel latte e caffé …. dev'essere la stessa cosa con il tuo!
    Anche a Milano il caldo non è africano ma amazzonico!

  • @Betty: sì, semplice ma molto gustoso…

    @Chiara: Chiara, fammi sapere che giorno verrai e a che ora avresti tempo e se posso volentieri..:Solo che io abito a mezz'ora d'autobus dal centro quindi non so…Però aggiornami!

    @Terry: miii, non mi ci fare pensare…quella tarte alle pesche è buona da urlo!!!

    @Marina: jejejej!!! W le Marche…:)

    @Lizzy: il ciambellone profuma sempre di tradizione e di cose fatte dalla nonna vero? Ehehe, caldo tropicale anche qui…;)

  • meena ha detto:

    wat is Mistara???

    1. Mistrà is an anisette…that is to say, a liqueur with anise flavour

  • Anonimo ha detto:

    Ho preparato ieri sera la ciambella della zia Elverina. Ho messo però meno burro (100 gr invece che 150) e un pò di yogurt che avevo in frigo.
    Non avendo le mandorle, ho usato solo lo zucchero per cospargere la superficie. E' divina!!!! Gli albumi montati la rendono veramente soffice!!! Simona

    1. Oh, mi fa piacere…A casa mia è un cavallo di battaglia!!! A me piace tanto proprio perchè è soffice e non gnucca come spesso sono le ciambelle…Se per caso hai voglia fai una fotina e spediscimela o all'indirizzo email che trovi sulla colonna di destra in alto oppure sulla mia pagina facebook e ti meto nella rubrica "le mie ricette fatte da voi"

  • Anonimo ha detto:

    ottima! sai dove posso trovare il latte di mandorla condorelli?hrazie

    1. Qui a Bologna adesso lo vendono anche alla coop, altrimenti io lo trvo un po' qua un po' là in alcuni alimentari e anche in un'enoteca che vende anche altre cose, tipo cioccolatini ecc…

  • Anonimo ha detto:

    Io ho usato lo stampo da plum cake. Non so come mai, ma lo preferisco allo stampo della ciambella. Siccome è già quasi finita, la prossima volta la immortalo e te la spedisco. Grazie mille! Molto apprezzata anche da mio suocero!
    Simona

    1. Mi fa molto piacere che sia piaciuta e anche al suocero! Aspetto allora la foto della prossima!

  • Nanninanni ha detto:

    Bellissima torta da colazione, mi ricorda i vecchi libriccini omaggio della Bertolini, i primi tra l'altro dove ho visto citare per la prima volta il Mistrà!
    A presto e… buona trebbiatura! ;-D

  • Francesca ha detto:

    Ho appena fatto la tua kasutera, sta raffreddando, poi metterò le foto. Proverò pure questa ricetta, mi piace perchè è senza burro e sia mia figlia che mio marito vogliono dolci senza burro.

  • elenuccia ha detto:

    Accipicchia che meraviglia, e' proprio lievitato bene 🙂
    Credo di non aver mai assaggiato il Mistra', ho letto che e' aromatizzato all'anice. Si potrebbe sostituire con la sambuca?

  • @Nanni: ah sì? Non sapevo del Mistrà sulle ricette della Bartolini!!! Grazie del passaggio..Un bacio

    @Francesca: spero che il Kasutera sia venuto bene!!! Mi raccomando è importante farlo raffreddare in frigo bello avvolto nella pellicola e poi in un sacchetto con la zip o comuqnue chiuso….Aspetto le foto!!!

    @Elenuccia: sì il mistrà è un liquore all'anice…La Sambuca penso sia troppo alcolica…Il Mistrà non credo lo sia quanto la Sambuyca…Piuttosto potresti ceracre al supermercato se trovi un liquore all'anice per dolci…Oppure puoi sostituire il Mistrà con del rum fantasia, sempre di quelli per dolci…Penso che anche un limoncello ci sttia bene…Anche di limonecello ne metterei meno…Al limite reintegri i liquidi che mancano del liquore con un po' di latte in più

  • Sandra Merizzi ha detto:

    Praticamente identico al mio a parte le mandorle, che buono col vino cotto

    1. Martina Toppi ha detto:

      Sì, provalo con le mandorle..Gli danno quel tocco in più che ci sta benissimo!

  • Ehi, sei passato di qua? Lasciami un commento :)