Chiudi questo messaggioPer offrirti la migliore esperienza utente possibile questo sito utilizza cookies per memorizzare le tue preferenze e per monitorare il funzionamento del sito.
Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookies Policy.

Bavarese alla pesca

Di: 8 commenti 8 Difficoltà: facile
bavarese alla pesca

Tra i vari dolci al cucchiaio, le bavaresi occupano un posto speciale ed è per questo che ne ho provate diverse versioni (metterò i link alla fine del post) e che oggi ve ne propongo un’altra. Bavarese alla pesca, ma non una pesca qualunque. Ho voluto provare con la pesca tabacchiera, quella bassa e schiacciata, con la polpa bianca dolcissima. Naturalmente voi siete liberi di sostituirle con la varietà di pesca che più vi piace.
Preferite però pesche mature e succose perchè sono meno fibrose.

Il mio mini tour gastronomico a Firenze

Di: 8 commenti 8 Difficoltà: facile
Firenze tour 2019

Il tour era previsto per le 15. Appuntamento alla Feltrinelli di piazza della Repubblica. All’ora stabilita ero lì e a un certo punto girandomi ho visto una signora sorridente affiancarsi a due americane e ho dedotto che potesse essere la nostra guida; mi sono avvicinata timidamente e solo in quel momento ho capito che il tour sarebbe stato in inglese. In effetti con l’agenzia che mi aveva contattato ci eravamo scritte in inglese, ma non avendolo chiesto esplicitamente non lo […]

Chiffon cake salata alla pizzaiola

Di: 13 commenti 13 Difficoltà: facile
chiffon cake salata alla pizzaiola

Preparare la chiffon cake salata è semplice. L’unica cosa di cui dovete munirvi in anticipo è lo stampo chiffon cake, in questo caso quello piccolo da 18cm di diametro, poi potete partire!   Portate il forno a 160° e sistemate una teglia sul primo ripiano dal basso. Dividete i tuorli dagli albumi. In un terrina setacciate la farina e il lievito per dolci.  Aggiungete quindi l’acqua, l’olio di arachidi, i tuorli, il parmigiano reggiano, il sale e il pizzico di […]

Piselli in vasocottura al microonde. Pronti in 6 minuti

Di: 4 commenti 4 Difficoltà: facile
piselli in vasocottura

Una nuova ricetta veloce veloce per preparare i piselli che potrete servire come contorno o usare per condire della pasta. La vasocottura è un tipo di cottura veloce; in un vasetto chiuso le particelle di gusto e i profumi non si disperdano e dunque i sapori si concentrano. La tecnica della vasocottura esiste da molto tempo, ma a sperimentare la vasocottura al microonde e a perfezionarne la tecnica è stata Rosella Errante del blog Nel tegame sul fuoco. Da lei troverete moltissime ricette testate con questo tipo di cottura.

Ricetta focaccia morbida

Di: 26 commenti 26 Difficoltà: media
focaccia morbida al rosmarino

Mi piace molto la focaccia sottile e croccante, come anche quella con i buconi croccante fuori e soffice dentro, ma questa volta volevo ottenere una focaccia alta e soffice, di quelle con la mollica poco tenace e scioglievole; ho sperimentato e ci sono riuscita, quindi ho deciso di postarla.

Vignarola, una delle ricette più tipiche della cucina romana

Di: 4 commenti 4 Difficoltà: facile
vignarola romana

La vignarola romana, è un contorno preparato con verdure stagionali primaverili quali i piselli e le fave fresche e i carciofi a cui si aggiungono altri tre ingredienti molto usati nella cucina romana come il guanciale (che si usa per fare la pasta alla amatriciana e la carbonara), la menta romana o mentuccia che invece si usa ad esempio nella ricetta dei carciofi alla romana e infine il pecorino romano che si usa per i tonnarelli cacio e pepe e in molte paste tipiche della cucina romana.
La ricetta è evoluzione di un altro piatto laziale: ovvero le fave cor guanciale

Pur essendo un contorno, la vignarola o vignarola alla romana, si presta bene ad essere usato come condimento per dei primi piatti davvero gustosi e genuini.

Quale sia l’origine del nome vignarola è controverso. Una prima ipotesi sostiene che il nome derivi dal fatto che tutti gli ortaggi e le verdure che compongono la vignarola crescessero tra le vigne. Una seconda ipotesi invece sostiene che il termine derivi la sua etimologia dai vignaroli e cioè coloro che vendevano frutta e verdura nei mercati romani. Una terza e ultima ipotesi lega il nome della vignarola alla preparazione che erano soliti mangiare i contadini che lavoravano nelle vigne.

Se l’origine della vignarola romana è incerta, cosa certa e indiscussa è invece la sua bontà. Io l’ho preparata come condimento per dei mezzi rigatoni ed erano davvero buonissimi!