Chiudi questo messaggioPer offrirti la migliore esperienza utente possibile questo sito utilizza cookies per memorizzare le tue preferenze e per monitorare il funzionamento del sito.
Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookies Policy.

Pane carasau fatto in casa

Di: 8 commenti 8 Difficoltà: media
Pane carasau fatto in casa

Il pane carasau è il tipico pane sardo originario della Barbagia, ma diffuso in tutta la Sardegna. Nella lingua italiana è anche conosciuto come carta musica per il rumore che fa quando lo si spezza e mastica essendo un pane dalla consistenza croccante e friabile.

Gli ingredienti del pane carasau sono: farina di grano duro, acqua, sale e lievito.

- Ingredienti -

(per 6 porzioni)

  • 500g di semola di grano duro rimacinata
  • 250-270g di acqua
  • 5g di lievito di birra fresco
  • 9g di sale

- Procedimento -

versate 250g di acqua nella ciotola dell’impastatrice; unite il lievito sbriciolato e poi la semola. Tenete da parte i restanti 20g di acqua che unirete a poco a poco con parsimonia se l’impasto non dovesse stare insieme e amalgamarsi. L’impasto deve risultare comunque molto consistente, sodo e compatto.
Iniziate a impastare a velocità bassa e quando si sarà formato un impasto omogeneo, aggiungete il sale. Aumentate un pochino la velocità e portate l’impasto a incordatura.

L’impasto dovrà risultare liscio, omogeneo e molto elastico.
Riponete l’impasto in un contenitore e lasciatelo lievitare fino al raddoppio, dopodiché dividetelo in 3 pezzi di egual peso (circa 250g). Arrotondate i 3 pezzi di impasto e dategli la forma di palline. Coprite le palline con un telo e con della plastica per evitare che si secchino. Lasciate riposare le palline per 30 minuti in modo che il glutine si rilassi e sia semplice stenderle.

Trascorsi i 30 minuti, stendete le palline fino a formare un cerchio di circa 40cm di diametro; io le ho fatte da 34cm perchè era la dimensione della mia pietra refrattaria e non volevo che sbordassero.

Una volta formate le sfoglie, copritele con un panno e della plastica e lasciatele riposare altri 30 minuti. Nel frattempo inserite la pietra refrattaria nel forno e accendetelo alla massima temperatura possibile. Se avete la funzione cottura da sotto come il mio Smeg, impostate quella.

 

Cottura del pane carasau al forno:

Quando il forno sarà arrivato a temperatura prelevate una sfoglia con una pala, aprite il forno e adagiatela sulla pietra refrattaria.

In pochi secondi il pane carasau comincerà formare delle bolle e a gonfiarsi formando un palloncino. E’ il momento di sfornarlo.

 

Carasatura del pane:

Infilatevi un guanto da cucina sulla mano sinistra; prendete un coltello affilato con la destra. Tenendo il palloncino (che piano piano si sgonfia) fermo con la sinistra, con la destra tagliate il palloncino a metà tagliando lungo il bordo. Premete bene le sfoglie in modo che non si arriccino sui bordi e rimangano piatte.

Una volta diviso il palloncino a metà, infornate una metà per volta per 1 o 2 minuti e comunque il tempo necessario perchè si tosti. Sfornate e, se lo avete, appoggiateci un peso perchè rimanga ben piatto, altrimenti va bene lo stesso.

Mano a mano che cuocerete le sfoglie, impilatele una sull’altra, sempre appoggiando un peso (facoltativo).

Procedete così con le restanti sfoglie fino a terminarle.

 

Il pane carasau si usa anche come base per fare il pane guttiau e il pane frattau; il pane frattau si ottiene condendo il pane carasau con qualche goccia di olio e sale e infornando per qualche secondo le sfoglie, mentre il pane frattau consiste nell’immergere per pochi secondi le sfoglie di pane carasau per poi condirle con polpa di pomodoro, pecorino sardo e olio extravergine a formare diversi strati tipo lasagna.

 

Ricetta di Alessandra Rosati presa da Agrodolce

 

 

- Valuta questa ricetta -

5 (100%) 2 votes

Pane carasau fatto in casa
5

5

5 2
00 unknow 00 unknown
8 commenti

8 commenti sul post:
“Pane carasau fatto in casa”

  • Serena ha detto:

    Questa è una ricetta che lascia a bocca aperta. Non è proprio semplice da realizzare alla perfezione, complimenti Martina!

    1. Martina Toppi ha detto:

      Grazie Serena! troppo gentile..:Comunque è più semplice di quanto si immagini

  • fantastico!! complimenti, buona giornata

    1. Martina Toppi ha detto:

      Grazie! Un abbraccio!

  • sono capitata nel tuo blog grazie a Paola Lena, lo devo provare molto presto!

    1. Martina Toppi ha detto:

      E’ davvero buono! Se o provi fammi sapere

  • macozza7 ha detto:

    il video del pane che si gonfia è spettacolre…viene voglia di provare

    1. Martina Toppi ha detto:

      forte vero???

  • Ehi, sei passato di qua? Lasciami un commento :)