Chiudi questo messaggioPer offrirti la migliore esperienza utente possibile questo sito utilizza cookies per memorizzare le tue preferenze e per monitorare il funzionamento del sito.
Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookies Policy.

Le basi della cucina: la besciamella

Di: 34 commenti 34 Difficoltà: facile
Le basi della cucina: la besciamella

La ricetta di oggi è di uan semplicità disarmante e probabilmente molti di voi la conosceranno già, ma ogni tanto insieme alle ricette più originali e articolate è utile anche aggiungere le ricette di base della cucina, perché è poi da quelle che si parte per tante altre preparazioni. Eccovi allora la ricetta della besciamella o besciamelle. Si fa in pochissimo tempo, quindi per favore NON comprate quella già fatta: vi basta dare un'occhiata agli ingredienti e capirete subito che con la vera besciamella non hanno nulla a che fare. In fondo lo scopo del mio blog è un po' anche questo: cercare di diffondere e di insegnare l'idea che "fatto in casa" è meglio.

- Ingredienti -

  • 10g di burro di buona qualità (possibilmente tedesco)
  • 10g di farina 00
  • 100ml di latte parzialmente scremato
  • noce moscata
  • 1/2 cucchiaino di dado granulare vegetale (facoltativo, è una mia aggiunta e non è previsto nela ricetta classica)
* dado granulare vegetale

- Procedimento -

in una casseruola dal fondo spesso (io ho usato una cocotte Le Creuset in ghisa, perfetta per questa preparazione perché distribuisce il calore in maniera uniforme) fate sciogliere il burro, poi aggiungete la farina

e mescolate bene con un cucchiaio di legno. Quando il composto comincerà a bollire leggermente, cominciate ad aggiungere poco alla volta il latte, mescolando di continuo. Fate addensare, tenendo conto del fatto che raffreddandosi si addenserà ancora di più. Verso fine cottura aggiungete abbondante noce moscata, sale, pepe e mezzo cucchiaino di dado granula revegetale.

Queste dosi sono quelle basi, che poi potrete moltiplicare per quantità maggiori. Per una lasagna da 6 persone moltiplicate le dosi per 5 o 6 (quindi 50-60g di burro e farina e 500-600ml di latte).

 

Vedi anche besciamella light all’olio

Vedi anche besciamella al brodo vegetale

Vedi anche Lasagne al pesto con stracchino, patate e fagiolini

 

 

Seguitemi anche sulla mia pagina facebook, sul mio canale YouTube e se vi va scaricate la mia app sull’App store!

- Valuta questa ricetta -


Le basi della cucina: la besciamella
3

3

5 5
00 unknow 00 unknown
34 commenti

34 commenti sul post:
“Le basi della cucina: la besciamella”

  • Chezuppa ha detto:

    Mai fatta nella Le Creuset, non ci avevo mai pensato!

    1. Chezuppa ha detto:

      come tutto del resto 😀 Ihihihi siamo troppo LE CREUSET – ADDICTED noi!

  • Cristina P ha detto:

    Esattamente come la faccio io
    …avercela una bella Creuset!! 😉

  • Pamy ha detto:

    non compro assolutamente la besciamella, è così semplice e veloce che si fa prima a farla che a dirla;) baci

  • Mirtilla ha detto:

    la facciamo uguale,anche io prediligo il latte parzialmente scremato a quello intero,ovvero intero non ne uso proprio 🙂

  • Norma ha detto:

    E' vero, fatto in casa è meglio.
    Anch'io per la besciamella uso un pentolino di ghisa ma non la frusta, mi sa che così è più semplice
    Grazie
    Ciao
    Norma

  • Isabella M. ha detto:

    La faccio spessissimo,la adoro! E' la stessa mia ricetta ma io non metto noce moscata,provero' ad aggiungerla la prossima volta.Ho iniziato a farla perche' quella pronta che compravo al super e' immangiabile 🙁
    Buon fine settimana ^__"

    1. Prova , ci sta benissimo!

  • cristina b. ha detto:

    adoro la béchamel! e quanto hai ragione, ogni tanto un ripasso delle "basi" ci vuole proprio! la faccio esattamente come te, ma il dado non l'ho mai messo… se ne può fare tranquillamente a meno, prova 🙂
    buon weekend!

  • Anonimo ha detto:

    ma per favore togli quel" possibilmente tedesco "
    abbiamo sotto casa chi lo fa e andiamo in germania
    Dino

    1. Dino, non tolgo proprio niente…In Italia la stragrande maggioranza dei burro fa pena, ed è fatta con gli scarti della lavorazione del formaggio e per affioramento e ci aggiungono degli aromi per levare il sapore di rancido, mentre i burro tedeschi sono quasi tutti fatti per centrifugazione..Io a dire il vero uso burro danese, il Lurpak. Sinceramente la mozzarella è chiaro che la mangio italiana, ma non ci vedo assolutamente nulla di male ad acquistare prodotti di altre nazioni se sono migliori. Con questo non voglio dire che in Italia non esistano burro di qualità, ma se devo andare in altoadige a comprare il burro di malga, faccio prima a comprare burro bavarese e non ci vedo nulla di strano. Per i wurstel non preferisci quelli tedeschi? E' una loro specialità no? E allora pechè se fanno burro migliore non posso comprare il loro? Quanto al dado granulare è una mia aggiunta, ma mi ero dimenticata di aggiungere il link al mio dado, fatto in casa, buono e genuino..Non è un ingrediente tipico della besciamella, ma ci sta bene…Ho aggiunto tra parentesi che è una mia aggiunta così non ci sono pronblemi.

    2. Anonimo ha detto:

      Il burro è un’emulsione di minuscole goccioline d’acqua disperse in un grasso. Queste goccioline vengono tenute in sospensione dalle sostanze emulsionanti naturalmente presenti nel latte, che cercano di impedire che acqua e grassi si separino. Queste goccioline d’acqua contengono principalmente proteine, prevalentemente caseina, e lattosio, lo zucchero del latte. In base al Reg. UE 2991/94 il burro deve contenere almeno l’80% di grassi e al massimo il 16% di acqua. Il burro in vendita in Italia tipicamente ha l’82% di grassi.

      Potremmo dire che il burro è il grasso del latte concentrato poiché servono circa 23-25 litri di latte per fare un Kg di burro.

      se vuoi fare un poco dipalestra, ti compri una zangola e ti fai il burro in casa. molti un tempo lo facevano
      Lo scarto della lavorazione del formaggio, poco più che acqua, lo danno ai maiali, quelli veri non ai maschi…
      Dino

    3. Il burro in casa me lo sono già fatto…http://www.trattoriadamartina.com/2012/11/farsi-il-burro-salato-in-casa.html

      Cmq il burro italiano è fatto per affioramento e non per centrifugazione, la maggiorparte almeno

  • Anonimo ha detto:

    Si per favore togli quel possibilmente tedesco! E anche il dado!
    Carla

    1. Coem dicevo sopra, non lo tolgo affatto, perchè mediamente i burro tedeschi sono molto migliori di quelli italiani,..:per trovae del burro italiano buono devi fare i salti mortali..La maggiorparte è prodotta per affioramente e come risultato della lavorazione dei formaggi, mentre il burro tedesco nella maggiorparte dei casi è prodotot per centrifugazione, è più saporito e non ha retrogusti di rancido, quidni non ci vedo assolutamente nuilla di male ad usare burro tedesco, anzi, trovo giusto pubblicizzarlo.

    2. Anonimo ha detto:

      E si, Martina ci hai proprio ragione. Il burro tedesco o anche francese e pure danese è un'altra cosa. Checcè la nostra amica ne dica. Per ulteriori info :
      http://bressanini-lescienze.blogautore.espresso.repubblica.it/2007/12/05/affioramento-o-centrifuga/
      Giulio

    3. Grazie del supporto Giulio!

    4. Anonimo ha detto:

      sono andato in vari supermercati, dove vendono anche il burro tedesco, ma purtroppo, e sarebbe veramente utile , non trovi scritto da nessuna parte come viene realizzato.
      Il gusto non è sinonimo di qualità, a volte è l'esatto contrario.
      ciao
      Dino

    5. Beh, ti garantisco che il Lurpak, che è un burro danese e il President, che invece è francese, sono dei burro ottimi, plastici e cremosi, e non "scagliosi" come quelli italiani. Ti dico solo che mi diceva un mio lettore che si ricorda che in UE addirittura volevano far togliere la dicitura burro dal burro italiano e volevano che si scrivesse "grasso da tavola". Che il burro tedesco sia generalmente prodottope centrifugazione si sa. Anche perchè nel nord europa il burro si usa molto più che da noi e qui ci tenogno di più a come viene fatto. Mio padre aveva un collega Olandese (obeso) che prima di pranzo si faceva fuori un panetto di burro!! Il LUrpak e il president comuqnue ricordo di aver letto che erano ai primi posti in una statistica che avevano fatto in quanto a qualità organolettiche, sapore, colore, consistenza ecc…

    6. Dino, pensavo che le cose che avevoi scritot sopra sul burro fossero tue consocenze, invece mi sono accorat che hai riposrtato pari pari quello che scrive Bressanini qui:http://bressanini-lescienze.blogautore.espresso.repubblica.it/2007/11/27/il-burro/. Magari ricordati di citare la fonte quando riporti.. 🙂

  • Anonimo ha detto:

    Volevo segnalarvi che fino al 20 aprile ci si può iscrivere alle selezioni per la nuova stagione di Masterchef. Per partecipare è necessario aver compiuto 18 anni, essere dei cuochi amatoriali (non aver mai lavorato nel campo della ristorazione a livello professionale) e compilare l’apposito form sul sito: masterchef.sky.it/casting

    1. Grazie milel ep rla segnalazione, ma non è la mia aspirazione….:)

  • Anonimo ha detto:

    che simpatici quelli che vengono a casa tua e ti dicono cosa devi o non devi fare/usare!? 😉 laura

    1. Hai ragione Laura, però da un certo putno di vista è anche normale che la gente interagisca e dica la sua…L'importante è che sia cortese nei modi (e non sempre purtroppo è così)

  • martina ha detto:

    non so per il burro tedesco…ma il burro irlandese (fatto per centrifugazione) e' molto piu' buono di quello italiano (tra l'altro qui le mucche quando possibile – non sempre in inverno- mangiano erba e non mangimi e il burro e' di un bel giallo oro e non bianco come quello tristissimo italiano). Grazie per la ricetta… io ho sempre un sacco di problemi con la besciamella!!!

    1. Anonimo ha detto:

      scusa se sono scivolato sul burro e perso di vista la ricetta.
      Dato che sono 40 anni che quando c'è da farla mi chiamano..a ragione o a torto..un poco di esperienza me la sono fatta.
      Non uso mai lo sbattitore mostrato in foto ma un cucchiaio di legno, meglio con piccola punta quadra. Importante non fare friggere il burro quindi parto col burro, la farina e qualche goccia di latte freddo. La porto a bollore solo alla fine. Deve bollire minimo 6-7 minuti per cuocere bene la farina e toglierne il sapore. In base alla consistenza che desidero, aggiungo un poco di latte, qualcosa in più della formula 10-10-100 ( max 120 ). Poi insaporisco in funzione dell'uso.

      ciao
      Dino
      P.S. : Farò una piccola indagine presso alcuni amici che producono parmigiano…come ricavano il burro.

  • Dany ha detto:

    Ciao Martiii, io la besciamella la faccio proprio così!!! (ma senza il dado).. faccio prima il ru con burro e farina e poi aggiungo il latte freddo, poco a poco mescolando, non vengono grumi, riuscita perfetta..proverò altri tipi di burro come suggerisci..io dai blog prendo informazioni..sono una idrovora, fare antipatici interventi non mi interessa, credo non interessi a nessuno…se vedo castronerie, e non è mai il tuo caso..tiro dritto e cambio blog 🙂 ciao!!!! l'Assassina

  • Dany ha detto:

    p.s. me l'ha "imparata" mio marito…che è diplomato cuoco all'alberghiero…così per mettere i puntini… 🙂

  • Giulia ha detto:

    Ciao Martina!! 😀 Sei la migliore! Volevo chiederti per quanto tempo si può conservare in frigorifero prima di usarla. Grazie, baci, Giulia

    1. Martina ha detto:

      Mmh, non sono molto brava a indicare i tempi di conservazione ma io oltre uno due giorni non andrei. Grazie x i complimenti

  • Ehi, sei passato di qua? Lasciami un commento :)