Chiudi questo messaggioPer offrirti la migliore esperienza utente possibile questo sito utilizza cookies per memorizzare le tue preferenze e per monitorare il funzionamento del sito.
Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookies Policy.

Pici all’aglione (con tutorial per la formatura)

Di: 20 commenti 20 Difficoltà: facile
Pici all'aglione (con tutorial per la formatura)

Oggi ricetta regionale, di quelle da fare tremare le vene nei polsi ai vampiri...In diretta dalla Toscana, i pici, spaghettoni lunghissimi fatti di sola acqua e farina che vanno "appicciati" ovvero arrotolati perché diventino lunghi. Ci sono diversi sughi con cui si possono condire i pici e virtualmente ci si può sbizzarrire con qualsiasi tipo di sugo, ma uno dei sughi tipici con cui si mangiano in toscana è il cosiddetto aglione, un sughetto semplice semplice fatto di olio aglio (tanto!) e pomodoro.
la ricetta dei pici l'ho presa qui.

Pici all’aglione

 
Per i pici:
(ingredienti per due persone)

300g di farina 0 comune
150g di acqua
olio extra vergine di oliva (da usare al momento di stendere la pasta)

 

Per il sugo:

3-4 cucchiai di olio extra vergine di oliva
400g di pelati o polpa di pomodoro
5 spicchi di aglio

 

Preparazione:

per i pici: con la farina formate una fontana e al centro versate l’acqua lasciandone un dito a parte che userete solo se l’impasto ne avrà bisogno. E’ importante che l’impasto sia ben sodo per la corretta riuscita dei pici anche perché comunque l’impasto si ammorbidisce riposando.

– prendendo un po’ alla volta la farina dalla fontana portarla verso il centro e amalgamare velocemente. Iniziare a impastare con una spatola prendendo l’impasto da sotto e ripiegandolo verso il centro, poi impastare a mano.

L’impasto non va lavorato troppo a lungo.

– una volta che avrete ottenuto un impasto omogeneo, formate una palla, coprite con la pellicola e lasciate riposare mezz’ora.

– dopo il riposo stendete l’impasto formando un rettangolo di un cm circa di spessore.
A questo punto spennellatelo con l’olio e tagliatelo a striscioline di un cm di larghezza che poi taglierete a metà, come si vede nella foto sopra.

– prelevate una strisciolina e formate i pici così come vedete in questo mio video tutorial:

Se vi piace il video e volete vederne altri iscrivetevi al mio canale YouTube.
Se non riuscite a lavorare i pici, tagliateli a metà, ma ricordate che più lunghi sono e più belli sono!

– sistemate i pici appena formati su un vassoio coperto con un canovaccio infarinato.

Una volta pronti i pici dedicatevi al sugo:

– tagliate gli spicchi di aglio a strisce e fateli rosolare a fuoco dolce nell’olio senza farli scurire.
– quando l’aglio sarà appena imbiondito, versate la polpa di pomodoro (meglio ancora i pelati), schiacciate eventuali pezzetti e alzate la fiamma. Salate e pepate e cuocete per circa 10-15 minuti.

Nel frattempo avrete messo a cuocere i pici. Scolateli leggermente al dente, con l’aiuto di una forchetta e tuffateli nella padella con il sugo. Saltateli in padella con un po’ di acqua di cottura. I pici all’aglione sono pronti per essere mangiati!

 

Pici all'aglione

- Valuta questa ricetta -


Pici all’aglione (con tutorial per la formatura)
3

3

5 5
00 unknow 00 unknown
20 commenti

20 commenti sul post:
“Pici all’aglione (con tutorial per la formatura)”

  • Chezuppa ha detto:

    Sembrano davvero facili da fare! Ci proverò 🙂

    1. Sì sì…Se fai l'imapsto bene, poi da stendere sono una bazzecola

  • Angie ha detto:

    Ah, i sapori della mia terra! 😉
    Ti sono venuti perfetti!!(e ovviamente buonissimi… ma purtroppo la foto non si può assaggiare 😉 )

    1. Yeahhh!! Ho l'approvazione di una Toscana! Grazie!

  • I pici non piacciono a tutti, ma io li adoro. Forse perchè coi primi piatti sono di parte…
    questi sembrano buonissimi.
    ore 10.05 e li mangerei adesso

    1. Anche io li adoro!! Anche gli spaghetti mi piacciono grossetti..:Odio i capellini…:)

    2. Siamo sulle stesse corde. spaghettoni, bucatini, paccheri e pasta spessa tutta la vita!

  • cincia del bosco ha detto:

    Che meraviglia, i pici li proverò a fare, seguendo i tuoi suggerimenti. Per l'aglione meglio di no che non piace al maritone…

    1. Puoi farli con le briciole o alal viareggina o con qualsiasi sugo ti piaccia

  • Ho fatto i pici qualche mese fa e mi sono piaciuti tantissimo.. e io li ho adorati nella versione umbra, conditi con il ragù d'anatra. Una libidine!

  • Alex ha detto:

    Hey..!! thanx a lot it looks easy.. i hope i'll be able to make it.

  • @Giulietta: immagino che debbano essere buonissimi!

    @Alex: you will…They are really easy to do, as you see in the tutorial.

  • Questo è veramente il fascino della semplicità… sono i piatti che prediligo in assoluto, queelli che ti riportano alla terra e di chi la vive con dedizione e umiltà.
    Ciao, Tatiana

    1. Anche a me piace tantissimo rivolgermi alla tradizione..Ti dirò che tra tradizione innovazione, in cucina sto piàù con la tradizione, o comuqnue con la rivisitazione della tradizione…:) Le iperboli culinarie degli chef non è che mi convincano molto…

    2. A chi lo dici…. massacrano delle ricette splendide e poi ti fanno anche morire di fame….

  • Anonimo ha detto:

    i pici li si mangiano cacio e pepe…semplici e buoni!!!:)

    1. I pici "li si MANGIA", non li si mangiano. Comunque al cacio e pepe si fanno gli spaghetti a voler essere "filologici" ed è un piatto romano, mentre i pici sono tipicamente toscani e il sugo all'aglione è uno dei condimenti più tipici.

  • Anonimo ha detto:

    Li ho provati oggi a pranzo e devo dire che sono venuti spaziali!
    Me li faceva sempre mia nonna e questi hanno proprio quel sapore antico!
    Complimenti bravissima
    Sara

    1. Yeahhh!! Sono contenta che siano riusciti bene e che assomiglino a quelli della tua nonna!!! 🙂

  • Ehi, sei passato di qua? Lasciami un commento :)