Chiudi questo messaggioPer offrirti la migliore esperienza utente possibile questo sito utilizza cookies per memorizzare le tue preferenze e per monitorare il funzionamento del sito.
Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookies Policy.

Fougasse allo Zahatar/zattar o Za’atar (arabo)

Di: 14 commenti 14 Difficoltà: facile
Fougasse allo Zahatar/zattar o Za'atar (arabo)

Ve le ricordate le baguette di Richard Bertinet? Beh, sappiate che con quell'impasto si possono fare anche altri tipi di pane e ci si può fare anche una bella focaccia dal'aspetto divertente. In questi giorni in cui l'inverno ogni tanto si traveste da primavera ma poi torna con il suo cielo ceruleo e le sue nuvole imbronciate e gonfie di lacrime, non si ha poi tanta voglia di sperimentare le ricette fresche e colorate che la primavera ci suggerisce ed è meglio starsene davanti allo sportello del forno approfittando del caldino a monitorare come va la nostra focaccia...

La fougasse è un pane che si associa principalmente alla Provenza e normalmente viene preparato con le erbe provenzali, ma che si torva in molte altre regioni con magari alcune varianti nella preparazione. Tradizionalmente questo pane veniva preparato e cotto per testare la temperatura del forno. Il tempo che la fougasse impiegava a cuocersi dava un'indicazione della temperatura che aveva raggiunto il forno e suggeriva se gli altri pani potevano essere infornati.


Nella mia versione ho aggunto lo zahatar o zattar, una miscela si spezie di origine medio orientale. Il termine arabo za'tar si riferisce ad alcune piante locali della famiglia delle laminacee tra cui si annoverano il timo, la maggiorana e l'origano...

Ovviamente potete sostituire con un mix delle tre spezie se le avete in casa oppure con solo origano o, se preferite con delle spezie provenzali, con rosmarino, salvia e qualunque cosa la fantasia vi suggerisca.

- Ingredienti -

(per 6 porzioni)

  • 500g di farina di forza (io ho usato la Manitoba del Mulino Rossetto)
  • 320 + 30g di acqua
  • 10g di lievito di birra
  • 10g di sale
per 6 fougasse

- Procedimento -

nella ciotola dell’impastatrice versate la farina e il lievito. Lavorate il lievito insieme alla farina con  la punta delle dita in modo da distribuirlo bene. Aggiungete 320g di acqua e avviate l’impastatrice  a velocità bassa. Valutate la consistenza dell’impasto che non deve essere eccessivamente morbido, ma neanche duro..Se l’impasto lo permette aggiungete la restante acqua a poco a poco. Fermatevi quando vedete che l’impasto ha la consistenza giusta che deve essere indicativamente come quella dell’impasto della pizza. Ora aggiungete il sale e portate l’impasto a incordatura: l’impasto è incordato quando si arrampica sul gancio staccandosi dalle pareti e dal fondo dell’impastatrice e all’aspetto risulta semilucido, liscio ed elastico.

Se non avete l’impastatrice seguite il mio video su come incordare a mano:

Al raddoppio, capovolgete l’impasto su un piano di lavoro e dividetelo
in 6 pezzi di eguale peso. Schiacciate ogni pezzo e formate un rettangolo dai lati arrotondati direttamente sulla teglia coperta di carta forno. Con una spatola effettuate un taglio verticale al centro del rettangolo e poi due tagli obliqui ai lati. Allargate un po’ la fougasse in modo da darle la forma che vedete nella mia foto, procedete con le altre allo stesso modo, poi copritele con un panno e con della plastica e lasciate che raddoppino. Una volta raddoppiate spennellatele con dell’olio e cospargetele con lo zahatar e infornate a 230° fino a che saranno ben dorate (circa 10-15 minuti).

- Valuta questa ricetta -

5 (100%) 1 vote

Fougasse allo Zahatar/zattar o Za’atar (arabo)
5

5

5 1
00 unknow 00 unknown
14 commenti

14 commenti sul post:
“Fougasse allo Zahatar/zattar o Za’atar (arabo)”

  • Arianna Frasca ha detto:

    E' vero, è un pane divertente! E poi con un impasto così versatile uno si può davvero sbizzarrire!!

  • SQUISITO ha detto:

    magnifico…i miei complimenti cara!
    bacio

  • monica ha detto:

    Bertinet è una garanzia nell'arte del pane. Il suo libro l'ho consumato.Buonissima la fougasse, e il modo in cui insegna ad impastare per me è stato illuminante! a presto mony

  • Mamma Papera ha detto:

    anche io ho quel libro e lo trovo stupendo ^_^
    brava come sempre cara

  • Giovanna vanna ha detto:

    ciao cara, piacere io mi chiamo Vanna,e sono felice di essere passata da te! trovo il tuo blog molto interessante e quindi mi sono unita, se ti va di venire da me mi fa molto piacere, a presto! http://ledeliziedivanna.blogspot.it/

  • Emma Mon ha detto:

    Ma quanto sei brava, anzi bravissima. Complimenti per tutto il tuo lavoro. Baci.

  • Anonimo ha detto:

    bravissima martina!!ha fatto una bellissima fougasse
    chapeau!!!!!
    bacio christiane

  • @Arianna: esatto! Io ci ho fatto un sacco di belel cosine

    @Squisito: grazie!

    @Monica: sì, fa un sacco di cosine simpatiche tra l'altro!

    @Ale: grazie cara!

    @Giovanna: grazie!!!

    @Emma: :*

    @Christiane: grazieee!!!

  • AdriBarr ha detto:

    Che bello pane! Complimenti!!

  • Terry ha detto:

    Che pane particolare … quindi resta basso, tipo focaccina? chissà comè profumato!

  • Not Only Sugar ha detto:

    Che bontà e che forma originale

    Not Only Sugar

  • veronica ha detto:

    e non ci resta che provarlo che bontà buonissimo immagino il profumo

  • Ehi, sei passato di qua? Lasciami un commento :)