Chiudi questo messaggioPer offrirti la migliore esperienza utente possibile questo sito utilizza cookies per memorizzare le tue preferenze e per monitorare il funzionamento del sito.
Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookies Policy.

Ciao Lucio, con te se ne va un pezzo di storia bolognese

Di: 7 commenti 7
Ciao Lucio, con te se ne va un pezzo di storia bolognese

Oggi niente ricette. Oggi solo un saluto, a un gigante della musica, morto ieri mattina per un infarto. Una morte beffarda, inaspettata in linea con la sua personalità. Sì, perchè se avessi dovuto immaginare una morte per Lucio Dalla  avrei trovato l’infarto quella che più gli si addiceva; perchè è un’uscita di scena senza avviso, che coglie alla sprovvista, che sconcerta; in linea con il suo modo di essere istrionico e teatrale.

 

Fatto sta che mi dispiace e mi ha lasciato l’amaro in bocca questa fine improvvisa; insieme a Lucio Dalla se ne va un pezzo di Bologna, la città che mi ha adottato ormai da 16 anni. Chiunque abbia vissuto a Bologna per un po’ ha avuto modo di incontrare Lucio in giro per il centro. Il mio ricordo risale a tanti anni fa.

Ero alla Virgin di via Farini, che ora non c’è più; quando andai a pagare al bancone, a fianco a me c’era lui;  con il suo fare guascone e un po’ stordito aspettava di pagare un cd, dei REM, se non ricordo male; tamburellando con le sue manine piccole e tozze sul bancone. Me lo ricordo così Lucio, oltre che per le sue canzoni, a volte intensissime, a volte un po’ ridicole e divertenti;  che avevano sempre quel qualcosa in più, quel guizzo creativo che solo i grandi artisti hanno.

E a Lucio mi lega anche la storia del mio compagno, Mauro, che a 18 anni cominciò la sua carriera da musicista proprio con lui; gli aprì le porte del suo studio in via d’Azeglio e gli fece fare una schitarrata sulle note di un suo pezzo. Ci vollero due anni e qualche secchiata di acqua dalla finestra perchè Lucio cedesse e si decidesse a dargli il tiro (ad aprirgli la porta con il citofono); ma quello fu l’inizio. Beh, mi sembrava bello ricordare Lucio in un post. Vi lascio con la sua canzone Dark Bologna; una di quelle divertenti, non un suo grande successo, ma dentro c’è la sua, ora anche un po’ mia, città e così mi piace ricordarlo.

CIAO LUCIO!

- Valuta questa ricetta -


Ciao Lucio, con te se ne va un pezzo di storia bolognese
3

3

5 5
00 unknow 00 unknown
7 commenti

7 commenti sul post:
“Ciao Lucio, con te se ne va un pezzo di storia bolognese”

  • Letiziando scrive:

    Mi unisco anch'io…. Ciao Lucio!

  • Alice4161 scrive:

    Mi unisco al tuo saluto.

    ciao

  • Patrizia scrive:

    Ciao Martina, anch'io sono incredula come te e molto dispiaciuta per la morte improvvisa e "beffarda" di Lucio Dalla. Mi piacevano le sue canzoni e molte di esse mi ricordano con nostalgia tanti momenti belli…
    Era una persona semplice ma grande, un genio della musica italiana…

  • @Patrizia: hai ragione…Domenica probabilmente io e Mauro andremo al funerale…

  • Francy scrive:

    Con Lucio se ne va una gran fetta di "bolognesità" come se scomparissero i tortellini o le Due Torri. Grazie per il tuo post in sua memoria. Io non sono brava ad esternare in certe situazioni, ma mi piace vedere tante dimostrazioni di tanto affetto che lui si merita tutto. Ciao da Francy (Bologna!)

  • sono rimasta sgomenta …addio Lucio!

  • Ehi, sei passato di qua? Lasciami un commento :)