lunedì 20 febbraio 2012

Treccia brioche all'olio ©

Di questa ricetta sono particolarmente fiera perché, riducendo al minimo la quantità di uova e di grassi sono riuscita ad ottenere comunque un impasto briochoso e sofficissimo. Per intenderci, normalmente riducendo i grassi e usando l'olio al posto del burro si rischia di ottenere dei ciambelloni più che delle brioche e invece sono riuscita nell'intento che mi ero prefissa ottenendo una treccia morbida e dalla mollica umida e profumata, perfetta per la colazione...Perché non la provate e mi dite com'è venuta?







































Ingredienti:

400g di farina di Manitoba
100g di farina 00
235g di latte
1 uovo
120g di zucchero
65g di olio di arachidi
10g di lievito di birra
6g di sale
4g di lecitina di soia
1 cucchiaino di estratto di vaniglia homemade
buccia grattugiata di 1 arancia non trattata

uovo sbattuto e granella di zucchero per spennellare e guarnire


Preparazione:

mescolate bene le due farine. Sciogliete il lievito di birra in 150g di latte e unitelo a 250g di farina e 60g di zucchero. Lavorate l'impasto per un po' e poi ungetelo leggermente di olio in superficie e copritelo con la pellicola. Mettete a lievitare nel forno precedentmente acceso a 50° per massimo 1 minuto. Attendete che il lievitino raddoppi, dopodiché  frullate la lecitina di soia con un minipimer insieme a due dita di latte, poi aggiungetela al lievitino unendo anche i restanti ingredienti, tranne l'olio e gli aromi e impastate con l'impastatrice fino ad incordare e cioè fino a raggiungere un impasto liscio, omogeneo ed elastico: per verificare se l'impasto è incordato prendetene un pezzetto tra due dita e tiratelo...L'impasto è incordato se riuscite a estendere l'impasto fino a che diventi quasi trasparente. A questo punto unite a filo l'olio in più riprese, aggiungendone dell'altro solo quando il primo sarà stato incorporato dall'impasto. All'inizio ci vorrà un po' perché l'impasto è più consistente, ma piano piano la cosa sarà sempre più veloce. Incordate di nuovo, dopodiché aggiungete gli aromi, impastate ancora il tempo necessario ad amalgamarli e prelevate l'impasto formandone una palla. Mettete l'impasto a lievitare in un contenitore unto di olio e possibilmente con i fianchi dritti e non svasati, così da poterne verificare la crescita. Quando sarà raddoppiato o quasi, dividete l'impasto in due e formate due filoni lunghi e stretti e formando una treccia  due capi seguendo le istruzioni di QUESTO video.
Adagiate la treccia su una teglia ricoperta di carta forno, sbattete un uovo e spennellatene la superficie. Mettete la teglia in forno precedentemente riscaldato a 50° per 30 secondi. Scaldate un pentolino di acqua e portatela a bollore. Mettete il pentolino sul fondo del forno e chiudetelo...In questo modo il vapore formatosi nel forno impedirà alla superficie della treccia di seccarsi. Quando la treccia sarà quasi raddoppiata completamente, toglietela dal forno. Portate il forno a 180°. Poco prima di infornare spennellate di nuovo la superficie della treccia con l'uovo e cospargetela di granella di zucchero. Cuocete per 25° (ma fate sempre la prova stecchino per verificare la cottura. Spegnete, sfornate e coprite la treccia con un panno di cotone. Lasciate raffreddare un po', poi adagiatela su un griglia in modo che si raffreddi bene anche sotto e copritela di nuovo con il panno. Quando sarà completamente fredda mettetela in un sacchetto alimentare e chiudetelo bene. In questo modo si conserva soffice per diversi giorni.

Treccia all'olio




































La prova sofficità:

Treccia all'olio: prova morbidezza

32 commenti:

  1. Splendida questa treccia e molto soffice!

    RispondiElimina
  2. Bellissima, e oso dire quasi dietetica!

    RispondiElimina
  3. MERAVIGLIOSA!solo tu potevi pensare e riuscire soprattutto a riprodurre una brioche morbidissima a basso contenuto calorico, peccato che da oggi sono veramente a dieta, mi sfamerò leccando lo schermo ;-)
    Francesca
    ps: come va la convalescenza??

    RispondiElimina
  4. fantastica! sei proprio brava :)

    RispondiElimina
  5. che perfezione! e quanto è soffice!!!

    RispondiElimina
  6. Che brava!!! Ti è venuta benissimo!!! Ho già segnato la ricetta!!!

    RispondiElimina
  7. Wow! Molto interessante anche quest'altra tua ricettina...
    Visto che anche io sono un'appassionata di lievitati(soprattutto quelli dolci)proverò presto a farla.
    Ti farò sapere.
    Grazie Martina!!!!

    RispondiElimina
  8. sei sempre molto brava!!!! buona settimana

    RispondiElimina
  9. mi piace l'idea di usare l'olio..e da come la schiacci mi sembra proprio morbida,ciao Ilaria

    RispondiElimina
  10. mi sto proprio appassionando a questa tua rubrica! e mi serve soprattutto per far crescere i nani senza riempirli di schifezze!
    "mangiar bene con meno grassi", un'ottima rubrica ; )

    RispondiElimina
  11. ciao
    buongiorno
    lovely blog :)

    http://laracroft3.skynetblogs.be http://lunatic.skynetblogs.be

    RispondiElimina
  12. @Mary: guarda io sono soddisfattissima di questa treccia...Non pensavo di riuscire ad ottenere una mollica così soffice e aromatica!

    @Stefania: eh sì, lo scopo era di renderla il più leggero possibile...:Quando la rifarò voglio provare a mettere ancora meno olio...Che so 50g...

    @Francesca: dai, anche se sei a dieta una fettina di treccia per colazione la puoi mangiare!

    @Anna: grazie!

    @Patatina: grazie!

    @Arianna: Falla e mi dirai com'è!

    @Maria teresa: Aspetto di sapere com'è venuta allora! Mi raccomando poi fotografala che ti metto nella lista delle "mie ricette fatte da voi"!

    @Scarlett: garzie e buona settimana anche a te!

    @Ilaria: sì, lo è....E' anche buonissima!

    @Sere: carino come nome della rubrica! Meglio di "Ricette light" com l'ho chiamata ioi!!!

    @Lalique: grazie!

    RispondiElimina
  13. Martina che meraviglia, io mi sa che la provo! Il pan brioche normale al gusto è troppo burroso.

    RispondiElimina
  14. io proverò sul serio, appena posso!

    RispondiElimina
  15. Davvero un ottimo aspetto... poi la prova sofficità la dice lunga!!
    bravissima!

    RispondiElimina
  16. Sembra quasi "un'incantesimo" tanto è bella...ma tutto è possibile sotto le mani sapienti di maga Martina ;-)
    Invidia pura!

    Un abbraccio caro

    RispondiElimina
  17. Martina! sembra più bello! delizioso!Baci

    RispondiElimina
  18. Un altra leccorniaaaaaa, bravaaaaaaaaaa, come procede la convalescenza???
    Posso omettere la lecitina di soia??? non posso usarla e se si con cosa la sostituisco????, vorrei farla anche io

    RispondiElimina
  19. Elle est très belle cette brioche et bien moelleuse!

    RispondiElimina
  20. @Chiara: mi farebbe piacere se la provassi! Nel caso mi dirai com'è!!

    @Pips: non vedo l'ora che la provi e mi dici se ti è piaciuta!

    @Lizzy: è da provare perchè è davvero buona buona...Almeno per i miei gusti!

    @Ritroviamoci in cucina: grazie!

    @Lety: un abbraccio anche a te e....troppo gentile!!!

    @PolaM. e devi sentire il gusto...:)

    @Chez Silvia: grazie e un bacio anche a te!

    @Cri: al limite la lecitina omettila e metti un tuorlo in più....

    @Beth: merci!!!

    RispondiElimina
  21. Ciao, come va? Vedo con piacere che ti sei rimessa all'opera...e che opera!
    La tua brioche è bellissima e l'idea che sia light la rende ancora più bella e poi ... che sofficità! Un abbraccio Carmen

    RispondiElimina
  22. Quella mano che ne testa la sofficità la dice lunga... :) Salvo.

    RispondiElimina
  23. Un bellissima ricetta.. Brava esperimento riuscito!

    RispondiElimina
  24. favolosa!!!!!!
    bravissimaaaa realizzi sempre ricette strepitose!! complimenti
    segno...

    RispondiElimina
  25. @Chiara: questa la devi provare!! E' buonissima!!!

    RispondiElimina
  26. provato!! buonissimo anche se ho sbagliato a regolare il forno e mi si è "seccato" un po', ho aggiunto un po' di cioccolata la prossima volta con marmellata home made!

    RispondiElimina
  27. @Samuela: la prossima volta verrà benissimo!!! Hai fatto bene a mettere le gocce di cioccolata...Volendo si possono mettere uvetta, pinoli oppure farla ripiena stendendo prima a rettangolo i due capi della treccia, stendendoci la crema (o la marmellata o quello che si vuole) e poi arrotolandolo nel senso della lunghezza e a quel punto formare la treccia

    RispondiElimina
  28. Ciao
    premesso che, vista anche l'ora, gradirei una fetta, potresti dirmi a che serve la lecitina?
    Non ho idea di dove trovarla e magari vorrei farne a meno, se nn inficiasse il risultato
    Grazie e complimenti per il tuo blog
    Laura D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Laura, le lecitina di soia si trova in tutti i supermercati ed è un prodotto salutare che aiuta anche ad abbassare il colesterolo. Inoltre la lecitina è un'emulsionante e cioè lega i grassi con i liquidi e rende gli impasti più morbidi ed estensibili...In questo caso l'ho messa per il fato che ho messo solo un uovo in una preparazione che normalmente richiede più uova...Io non la toglierei, però puoi sempre fare la prova...Se dovessi farla poi dimmi com'è venuta...

      Elimina
  29. Grazie, allora proverò

    RispondiElimina

Per lasciare un commento se non hai un account google o un tuo blog, clicca su Anonimo, ma poi ricordati di firmare!
Ogni commento è gradito ...anzi...auspicato!!!.....;)