mercoledì 16 febbraio 2011

Latte di mandorla: come farselo in casa

Non so voi, ma io adoro il latte di mandorla, ma trovarlo non è semplicissimo. Qui a Bologna trovo quello della Condorelli, che è veramente buonissimo, ma non da tutte le parti. Ne ho assaggiati altri ma decisamente non all'altezza di quello. E allora mi sono decisa a farmelo in casa...Avevo una ricetta, ma l'ho provata e non mi soddisfaceva, quindi ho un po' fatto di testa mia e ne è venuto fuori un latte buonissimo, corposo e saporito. Provatelo e ditemi cosa ne pensate. Usate dell buone mandorle...Se avete pazienza comprate le mandorle col guscio e il risultato sarà ancora più soddisfacente.

































Cosa serve:

200g di mandorle dolci con la pellicina+ 2 o 3 mandorle amare (io ho usato le mandorle dei noccioli dell'albicocca fatti seccare quest'estate e di quelli ne ho usati 5 perché sono più piccoli)
800g di acqua + altri 400
circa 5 cucchiai di zucchero (ma la quantità va a discrezione vostra e di quanto vi piace dolce)
1 pezzo di cotone naturale o un pezzo di lino di circa 20cm di lato
1 schiacciapatate


Preparazione:

Sbollentate le mandorle per 1 minuti in acqua bollente e spellatele subito facendole scivolare tra pollice e indice (l'operazione è veloce e semplicissima). Asciugate bene le mandorle, mettetele in un mixer e polverizzatele. A questo punto scaldate 800g di acqua e quando sarà molto cada, versatela in un contenitore alto e stretto. Mettete le mandorle polverizzate nel cotone e chiudetelo a fagottino fermando con un nastro o con una strisciolina fatta con il cotone stesso (ma comunque con qualcosa che non abbia coloranti e non sia tossico). Mettete il fagottino così ottenuto a mollo nell'acqua calda per 2 ore. Vedi la figura qui sotto.

































Trascorse le due ore, estraete il fagottino dall'acqua, e strizzatelo il più possibile sopra una terrina in modo che il succo più saporito delle mandorle esca tutto. Aiutatevi eventualmente con uno schiacciapatate in questo modo. Aprite il fagottino, togliete parte della pasta di mandorle che c'è all'interno, richiudete il sacchottino, adagiatelo all'interno dello schiacciapatate e con quello aiutatevi a spremere la pasta il più possibile. Ripetete l'operazione finchè avrete spremuto tutta la restante pasta. A questo punto, prendete tutta la pasta di mandorle che avete premuto, mettetela in un mixer, aggiungete 400g di acqua calda e lo zucchero; frullate per qualche minuto alla massima velocità. Versate tutto il latte ottenuto per infusione e quello ottenuto frullando la pasta con i 400g di acqua e poi filtrate il tutto con un colino a maglie strette. Noterete che nel colino rimarrà di volta in volta una pasta molto fine tipo farina. Non schiacciatela, ma lasciate che i liquidi colino naturalmente in modo da evitare che la pasta leggermente granulosa ricada nel latte (al massimo date dei colpettini col colino sul bordo del recipiente su cui state versando il latte filtrato). Di tanto in tanto sciacquate il colino da questa farina che rimane depositata e continuate a filtrare. Assaggiate il latte e se necessario aggiungete zucchero. Versate il latte filtrato in una bottiglia e mettete il tutto in frigo.
Gustatelo a colazione con del muesli croccante fatto in casa, o durante il giorno da solo o con qualche goccia di sciroppo di menta.

23 commenti:

  1. quanto mi piace il tuo blog!!! Sei bravissima!! Adesso mi segno anche questa ricetta perchè il latte di mandorle è sempre utilissimo ;))) A presto

    RispondiElimina
  2. Grazie eka, mi fa un gran piacere! Se vuoi le ricette le puoi stampare...In fondo al post c'è il tasto apposito e puoi anche rimuovere le immagini

    RispondiElimina
  3. anche io lo adoro!!! e quando sono stata a tropea ne ho bevuti di deliziossimiiii!!! da queste perti neanche l'ombra:( ma ora con la tua ricetta!!!!!:))) sei meravigliosa!
    grazieeee!!!

    RispondiElimina
  4. Grazie Chiara, poi fammi sapere come è venuto e se ti è piaciuto

    RispondiElimina
  5. wow terrò presente questa ricetta adoro il latte di mandorle!!baci imma

    RispondiElimina
  6. ma dai,io adoro il latte di mandorle!!!

    RispondiElimina
  7. Fatto con questa ricetta posso dire che assomiglia tantissimo al Condorelli...Non so se l'avete mai assaggiato

    RispondiElimina
  8. Mai assaggiato il latte di mandorla perciò ho la cuorisità alle stelle....
    anche se adesso grazie a te potrò togliermela.

    RispondiElimina
  9. davvero Lety non l'hai mai assaggiato!!! Ma dai! Devi correre assolutamente ai ripari...è buonissimo!

    RispondiElimina
  10. woooww!! ma è buono come quello della condorelli?? e se non trovassi le mandorle amare?
    Vero

    RispondiElimina
  11. Vero, ti dirò che secondo me gli assomiglia molto....Se non trovi le armelline o mandorle amare (che in teoria non si dovrebbero più vendere èerchè contengono cianuro e quindi in quantità abbondanti sono velenose) fai senza, anche se secondo me quelle amare sono più saporite e quindi gli danno quel tocco in più...Cmq sono un di più quindi fallo tranquillamente anche senza...

    RispondiElimina
  12. Martina, sei veramente inarrestabile! Da un lato muoio dalla voglia di provarci, dall'altro il procedimento mi incute un po' di timore... chi vincerà? :)

    RispondiElimina
  13. Silvia, con quelle meraviglie che fai figurati se puoi avere problemi con il latte di mandorla!!! Non è diffcile...peloi le mandorle, le riduci in farina, le choiudi in un fazzoletto di cotone e le metti in ammollo per 2 ore, poi spremi il più possibile e la pasta che ti rimane la rifrulli con zucchero e altra acqua...poi passi tutto al colino ed è fatta!

    RispondiElimina
  14. in drogheria e in farmacia si vende l'olio di mandorle amare si possono aggiungere alcune gocce al latte se si aumentano le dosi dello zucchero si può conservare per molti mesi e fuori dal frigo complimenti
    Lucia

    RispondiElimina
  15. Grazie della dritta Lucia! Molto interessante questa cosa! In effeti il problema delle cose fatte in casa è sempre la conservabilità e sapere che c'è un metodo per conservare naturalmente le cose più a lungo è una gran cosa

    RispondiElimina
  16. ciao!
    confermi che aumentando lo zucchero si conserva meglio?che metodo usi?

    RispondiElimina
  17. Ciao Delfo, credo proprio che aumentando lo zucchero si conservi più a lungo, anche se non dirti di preciso quanto..Ce lo siamo bevuto in poco tempo...;)
    In che senso "che metodo usi?" Nella ricetta c'è scritto tutto ed è spiegato come ho proceduto epr fare il latte...

    RispondiElimina
  18. l'ho appena fatto... notevole :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta che ti sia piaciuto! Buono vero!!!??

      Elimina
  19. sei molto brava,complimenti per il tuo blog utile e bellissimo
    Lory

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie..:Scusa se ti rispondo con due anni di ritardo, ma ho visto solo ora!

      Elimina
  20. Ciao nn mi è chiaro un passaggio : l acqua dove lascio le mandorle a bagno la riutilizzo o la butto ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No!! Quello è il latet di mandorle a cui poi aggiungi quello ottenuto frullando le mandorle restanti con ulteriore acqua...

      Elimina

Per lasciare un commento se non hai un account google o un tuo blog, clicca su Anonimo, ma poi ricordati di firmare!
Ogni commento è gradito ...anzi...auspicato!!!.....;)