martedì 11 gennaio 2011

Mezze maniche risottate alle patate

Mezze maniche risottate perché si cuociono come un risotto, aggiungendo brodo vegetale mano a mano fino a cottura...E' un modo particolare di cuocere la pasta e il risultato mi è piaciuto moltissimo perché la pasta risulta più saporita e cremosa, a metà tra un risotto e una pasta insomma...


































Ingredienti per 2 persone:

brodo vegetale
4 o 5  patate di piccole dimensioni
mezza cipolla
1 carota
1 costa di sedano
120g circa di mezze maniche


Preparazione:

preparare il brodo vegetale e mantenerlo caldo. In una padella ampia, soffriggere carota, sedano e cipolla tagliati finemente aggiungendo di tanto in tanto un pochino di brodo bollente in modo che le cipolle liberino un po' di amido e si ammorbidiscano. Quando il soffritto sarà ben stufato, aggiungere le patate fatte a dadini e le mezze maniche e procedere come per un risotto, aggiungendo il brodo bollente ogni qualvolta si sarà asciugato. Mano a mano la patata e la pasta libereranno l'amido e si cuoceranno formando una pasta cremosa e molto gustosa...in linea di massima se il brodo è saporito non serve aggiungere sale, ma assaggiate e regolatevi secondo i vostri gusti...Prossimamente proporrò una versione più elaborata di questa ricetta...quindi stateve accuorti...;)

18 commenti:

  1. Ciao Martina, ma che bontà! La pasta abbinata alle patate in svizzera viene vista male (per l'abbinamento di due carboidrati). Ma avendo genitori pugliesi io la conosco da sempre e da sempre appartiene ai miei piatti preferiti :D Curiosa la cottura della pasta, non ho mai provato a cuocerla in questo modo. grazie per le bontà che pubblichi, il tuo blog è semplice elegante e mai banale, complimenti! Un abbraccio!

    RispondiElimina
  2. adoro la pasta cucinata così, è deliziosa!
    brava.
    buona settimana.

    RispondiElimina
  3. Ciao Martina! complimenti per il tuo splendido blog.
    L'ho conosciuto qualche giorno fa e sono in fase di esplorazione! ;-D
    Scusa se sono indiscreta, ma quanti anni hai???? sembri una ragazzina!
    baci
    Mary

    RispondiElimina
  4. @ pensieri e delizie: ti ringrazio perchè mi hai fatto un complemento bellissimo! Mi fa piacere ti piaccia il mio blog e che lo trovi non banale...

    @ Betty: quindi la fai anche tu? Come?

    @ Mary: non ti preoccupare non sei indiscreta...Compio 35 anni a febbraio...;) Buona esplorazione..:spero che le cose che preparo ti piacciano!

    RispondiElimina
  5. wow, tra le tante delizie che proponi questa mi ispira davvero tantissimo... mi è venuta fame :|

    spero di farla al più presto!

    sei bravissima Martina :)

    RispondiElimina
  6. Avevo letto da qualche parte di questo particolare tipo di cottura della pasta. La tua sembra davvero squisita e dato che non ho mai provato ne la cottura "brodosa" ne la pasta con le patate, credo che sia venuto davvero il momento di provarla.
    Grazie delle ottime ricette sempre accattivanti, che testimoniano un vera e sincera passione per la cucina.foto ogni volta da manuale ^_^

    RispondiElimina
  7. Ammazza ragazze che bei complimenti! Grazie Lety...Mi raccomando però la pasta in definitiva non deve essere brodosa eh...deve risultare legata, mantecata...OK? Se la fai poi mi nraccomando la foto e fammi sapere com'è!

    RispondiElimina
  8. complimenti mette l'acquolina solo a guardare!!!!!ciao!

    RispondiElimina
  9. Indirizzata dal Nanni eccomi a farti vistia. Ha ragione: il tuo blog è interessante, oltre che ben impaginato e pilito. Mi piace!
    Sottoscrivo i tuoi feeds, a presto! ;)

    RispondiElimina
  10. Ciao Martina! La pasta di solito la faccio molto a dente e la finisco di cuocere in padella aggiungendo un po' d'acqua di cottura, ma cos' "purista", completamente risottata non l'avevo mai fatta...Grazie, mi hai risolto la cena di stasera, magari ci aggiungo dei cubetti di cotto, così fa da primo e secondo per la mia Polpettina...
    Baci
    Clau

    RispondiElimina
  11. Se mi piacciono le cose che prepari???? guarda, sto leggendo e più vado avanti e più mi piace!!! complimenti!!!

    Senti, leggevo che fra i tanti regalini home made c'era la crema di pistacchio di Bronte, ma non trovo la ricetta.............potresti darmela o hai intenzione di postarla in futuro?
    Baci
    Mary

    RispondiElimina
  12. @ Mamma in pentola..:Anche io di solito faccio come te con la pasta in modo che si insaporisca col sugo, però questa è una cosa un po' diversa....Se stasera la provi, poi mi piacerebbe che mi dicessi se ti è piaciuta....e se ti fa piacere fai una foterella così ti metto nella sezione delle "mie ricette fatte da voi".

    @ Mary, la crema di pistacchi di Bronte l'avevo fatta l'anno scorso e ad essere sincera non mi ricordo più come si faceva, però l'avevo presa su cookaround...prova a cercarla lì...Cmq era molto buona ma un po' stomachevole perchè ci andava il cioccolato bianco.....Mi spiace non esserti di aiuto...

    RispondiElimina
  13. @ Mary: ho trovato uan ricetta per la crema che mi pare più equilibrata di quella che avevo fatto io...se mi dai la tua mail te la invio!

    RispondiElimina
  14. ma certo! forza.bianconeri@hotmail.it

    RispondiElimina
  15. non ci avevo mai pensato a cuocere la pasta come il riso, ma visto che spesso si presenta il problema del sugo che "non lega" lo proverò sicuramente!
    le patate invece le ho viste usare con la pasta, ma semplicemente mettendole a bollire insieme all'acqua per poi aggiungerci la pasta.. devo dire che sono molto buone anche così!

    RispondiElimina
  16. carina questa ricetta! la pasta e patate era un must nelle fredde giornate invernali, quando ero bambina. Mia mamma la preparava preparando il soffritto di patate e cipolla, ci aggiungeva un pò di salsa di pomodore e di brodo e faceva cuocere le patate; nel frattempo faceva cuocere a parte la pasta e ne completava la cottura nel broso di patate. Questa versione risottata mi ispira tantissimo... la voglio provare assolutamente!

    RispondiElimina
  17. @Ginger: anche mia madre spesso fa la pasta e patate coem una zuppa. La mia bisnonna era originaria di Fiume ed è nata nel 1800, quindi all'epoca era impero austrungarico e le zuppe di fagioli, di patate ecc...usavano molto...coem anche lo strudel, i canederli e altro...

    RispondiElimina

Per lasciare un commento se non hai un account google o un tuo blog, clicca su Anonimo, ma poi ricordati di firmare!
Ogni commento è gradito ...anzi...auspicato!!!.....;)